Le "mazzate"

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
gennaro
Messaggi: 49
Iscritto il: 27 maggio 2007, 13:23

Le "mazzate"

Messaggio da gennaro » 27 ottobre 2008, 14:53

a 34 anni, mi e' capitato quando la notte sono nervoso e non riesco a dormire, di ricordare per caso frasi dette nei momenti di ira dei miei
genitori, quando mi piacciavano.

Mi capita di ricordare schiaffi, "mazzate" di mio padre sopratutto, ma
anche di mia madre. Sono eventi che ho rimosso, eventi che avvenivano
spesso, ma oggi mi capita di ricordarne un po' a spezzoni.

Mio padre me le dava di tanto in tanto, sopratutto in un periodo, espesso era a causa dei cattivi voti sulla pagella scolastica,
mia madre lo appoggiava sempre.

Mia madre invece me le dava con minore forza, ma con maggiore
frequenza, inoltre usava sempre una certa violenza psicologica
fatta di rimproveri giornalieri.

...

quello che vorrei sapere da chi frequenta questo meraviglioso forum
e se ci sono altri tra' di voi che le hanno "prese" fisicamente,
se vi va', perche' mi sembra di non aver trovato nulla in riguardo
su altri post.

Avatar utente
Lala
Messaggi: 5383
Iscritto il: 21 febbraio 2005, 12:53

Messaggio da Lala » 31 ottobre 2008, 14:54

Io.Con la cinta spesso.minacce di finire in ospedale,lividi.Il motivo?avevo il fidanzatino.Oggi amo mio padre,l'ho perdonato ma lui e quell'altra di mia madre mi hanno fatto buchi come voragini nell'anima
Immagine
Croccante fuori, toffoletta dentro

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 31 ottobre 2008, 15:14

Lala: adesso prenditi tutti i fidanzatini che vuoi...
Se riesci vai oltre le mie stupide parole, però prenditi gli abbracci sostitutivi che la vita può dare.
Io gliabbracci veri li do alle mie bambine, ma fra di noi del forum non possiamo, ovvio, e allora scava nel cuore per trovare ciò che cerchi..
Perdona la mia teatralità e prenditi i buoni auspici, se vuoi....

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”