Bambini adulti.

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
ross
Messaggi: 50
Iscritto il: 21 settembre 2007, 12:23

Bambini adulti.

Messaggio da ross » 5 dicembre 2008, 20:18

out of the cage, december 2008
http://paternita.info/lettere/bambiniadulti

Immagine

da "lettere" rubrica di www.paternita.info

ross
Messaggi: 50
Iscritto il: 21 settembre 2007, 12:23

Messaggio da ross » 6 dicembre 2008, 14:40

riporto un passaggio interessante da
http://forum.ilmeteo.it/showthread.php? ... ost1040894

RISPOSTA DI MOMMA
Il bambino nel suo passaggio verso l'età adulta va più accompagnato che istruito, ed è necessario che l'adulto in questo viaggio recuperi la meraviglia e lo stupore per le cose, poi gli insegnerà i valori e la stupidità della vita adulta in cui si immergerà, tanta competizione tanta presunzione di sapere, tanto sfoggio di sè, ma stringi stringi molta ma molta meno felicità...si dovrà insegnargli ad essere forte e determinato, ma non per sopraffare gli altri, ma per conquistarsi credibilità., per cambiare le regole comportamentali del momdo degli adulti, che nonostante ci si vanti tanto di progressi , non sono ancora tanto distanti dalla legge della jungla


RISPOSTA MIA
trovo giusto e bello ciò che dici

jung-la..
lo stupore infantile (zollà)

calarsi nello stupore, nei panni del bambino, scendendo nel suo mondo con lo scopo di poterci comunicare a me ha sortito un effetto collaterale non indifferente: capire me stesso da bambino, come si sviluppano i processi mentali, il perchè hai fatto, sei stato..

un tesoro inestimabile se vuoi correggere la tua vita atrofizzata dal corrotto e ipocrita mondo degli adulti (nel quale magari sei stato lanciato precocemente)

in questo senso le donne (in quanto genitori educatori) hanno avuto ed hanno tutt'ora un GRANDE privilegio e vantaggio in più rispetto agli uomini, un motivo in più (oltre al diritto dei minori) per cui la BIGENITORIALITA' dovrebbe essere una cosa concretamente realizzata! fabio

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”