un parere per rapporti familiari

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
silenzio
Messaggi: 39
Iscritto il: 20 agosto 2006, 0:40

un parere per rapporti familiari

Messaggio da silenzio » 8 dicembre 2008, 15:22

salve, vi chiedo un parere, perchè io non riesco a capire se sbaglio io o no. Ho una bella famiglia d' origine, nella norma. Grado di istruzione basso, un fratello molto più piccolo di me.Ho zie e cugini, tre di questi molto attaccati a miopadre perchè non hanno avuto loro un papà.

Mio padre mi ha sempre impedito di uscire in adolescenza, io ho avuti cos' dei forti moti di ribellione nei suoi confronti e forse mancanze di rispetto.

Si potrebbe pensare che questi parenti, cugini in modo particolare,ano stati come "fratelli" ( ci distanziamo anche di poco per l'età")invece io ho sempre suscitato il loro odio.Questo l'ho
cpito, quando ho visto che nel tempo mio fratello è stato trattato diversamente, vuoi perchè maschio, vuoi perchè nato in un momento diverso.

Mi sto laureando, sono l'unica della famiglia, ovviamente questo crea il disappunto generaleInfatti io non voglio che vengano alla mia laurea e questo sarà il gradino che farà vacillare tutto lo so.

In compesnso la mia famiglia più stretta mi tollera. Mio fratello invece è un grande punto interrogativo. Ha un buon rapporto con mio cugino il quale davanti i parenti ( mio fratello compreso) finge di esser quello che non è, ma lo definirei uno che "ci sa fare", ma alla fine se ne frega.
Mio fratello da molto peso alle sue parole e contemporaneamente porta poco rispetto a me.

Faccio un esempio, mi risponde sempre in modo cattivo e se viene a sapere che qualcuno mi ha fatto uno sgarbo se sa che è vero non dice nulla, altrimenti se è qualcuno che gli sta simpatico da la colpa a me. Non è maturo e si fa circuire, ma alla fine sempre a spese mie. Quando vede delle ingiustizie fuori da casa invece come se la prende.

Se posso essere sincera ho la netta sensazione che li odio e in alcuni momenti ancora di più, perchè mi sento una nullità. Il resto dei parenti dice che sono vissuta nella bambagia, ma non capisco perchè farne una colpa a me e non a chi la bambagia me l'ha creatata intorno.

Mi pagano l'università che sto per finire, è vero, ma se non fosse stato possibile non lo avrebbero fatto e io li ho ricambiati con buoni voti e tanto impegno e onestà. Moralmente in questi anni ho vissuto l'inferno. Ho avuto tutti contro, perchè fruivo di una cosa che mi era stata concessa e ai miei cugini no.

Ora io non posso più vederli, mi infastidisce moltoquando me li trovo per forza in casa a cena, a pranzo e devo fare a spadate tra le loro battute.
Poi ovviamente quando arriva il compleanno o qualche altra festa che mi riguarda, bhè li un funerale proprio tanto che ho smesso di festeggiare compleanni e il resto.

Ovviamente con la poca stima di me che mi porto dietro, non ho più amici e non ho un ragazzo,. so che la soluzione è dentro di me, non sarà scappando che la risolverò, anche se speravo con l'ultimo ragazzo che ho avuto di potermene andare, ma ovviamente lui non era intenzionato e per fortuna,dato che era proprio sbagliato per me.

Insomma ho accennato nel modo meno di parte possibile a quello che mi succede.

MMM non so come comportarmi....

gennaro
Messaggi: 49
Iscritto il: 27 maggio 2007, 13:23

Messaggio da gennaro » 21 dicembre 2008, 16:23

Probabilmente ti sei innalzata in alto rispetto ai tuoi parenti, e in
alcuni putroppo generi un'invidia, non voluta, quasi inconscia,
non e' colpa tua e nemmeno loro, purtroppo sono i sentimenti
dell'essere umano che spesso sono immaturi.

Non ci puoi far nulla secondo me. Potresti solo esserne consapevole
e accettarlo, evitando le liti, e pensando che tu sei riuscita in qualcosa
che non e' poco.

Non capisco pero' perche' non vuoi che vengano alla tua laurea,
magari a loro gli pesa anche di piu'... tu fai l'invito e se si presentano
e' bene.

Dalle tue parole non mi sembra che tu abbia poca stima , invece un
certo risentimento, (non odio) per una situazione che perdura da
anni e che ti allontana sostanzialmente dai tuoi famigliari.

Che fare? aime' nulla, pazienza! ..e nel caso psicofarmaci per calmarti
quando verranno alla tua festa di laurea! perche' verranno!

Pero' quando ti sentirai nervosa potresti provare a pensare che tu
sei molto piu' in alto di loro, culturalmente parlando.
auguri!

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”