io e mio padre non andiamo d'accordo

Problemi di comunicazione tra due generazioni

Moderatori: Dott.ssa M.Letizia Rotolo, Dr. Vittorio Tripeni

Rispondi
KurtNiko87
Messaggi: 31
Iscritto il: 15 luglio 2009, 12:10

io e mio padre non andiamo d'accordo

Messaggio da KurtNiko87 » 15 luglio 2009, 15:23

ciao a tutti sono un ragazzo di 22 anni, attualmente non lavoro da 9 mesi e passo la maggior parte del tempo a casa
vivo in una famiglia che ormai con i rapporti tra me e mio padre sembra quasi distrutta, proprio ieri sera per l'ennesima volta abbiamo avuto un grosso litigio tra me e lui, ce' le siamo anche date di santa ragione e lui mi ha procurato qualche graffio sulle braccia
io e lui non siamo mai andati d'accordo gia' da tanti anni ormai,non e' mai stato un vero rapporto tra padre e figlio che si amano e si parlano apertamente, fa male dirlo ma io quasi non lo sopporto piu' a volte mi fa' tanta rabbia, sto male sempre a causa sua perche' penso a lui non so' piu' cosa fare
dopo quel litigio di iera sono rimasto ancora piu' sconvolto non lo avevo mai visto cosi' arrabiato mi ha fatto davvero paura, sembrava un pazzo urlava a squarciagola e come al solito voleva chiamare i carabinieri, lui a me non mi crede non ha mai creduto in me stesso, crede che io non sto bene, mi ha sempre preso per malato o pazzo, ma per cosa poi? perche' sto a casa? gioco alla playstation? dovrei cercarmi un lavoro lo so' ma non mi sento ancora pronto con me stesso, vorrei stare piu' tranquillo e sereno ma non ci riesco sapendo che c'e' lui che viene a disturbarmi o a criticarmi e addirittuta quasi a offendermi, dice che io gli ho rovinato la vita che sono la rovina della famiglia, ma se lui non ci sta' mai a casa e torna sempre la sera che cazzo vuole da me? se avrebbe le palle mi aveva gia' cacciato fuori di casa ma non lo fa' perche' non ha le palle.
io vorrei andarmene via costruirmi una mia vita ma non ho nessuno non ho nessun mezzo, amici non ne ho qui dove abito conosco poco la zona, non saprei proprio dove andare, sono bloccato, chiuso dentro di me a causa sua.
adesso dopo quello che e successo mi fa' ancora piu' paura, dopo tutto quello che mi ha detto, per lui non ci sono ne santi e ne miracoli e capace anche di ammazzare una persona se si mette in testa una cosa.
cosa dovrei fare? ormai sono grande capisco che fin quando sto a casa sua devo mantenere certi limiti, ma io ho giurato a me stesso che appena trovo un altro lavoro vado a vivere da solo e a lui non voglio mai piu' vederlo. vorrei una vostra opinione su cosa ne pensate aiutatemi. ciao :( :cry:

KurtNiko87
Messaggi: 31
Iscritto il: 15 luglio 2009, 12:10

Messaggio da KurtNiko87 » 16 luglio 2009, 11:14

perche' nessuno mi risponde? almeno qualcuno che era disposto ad ascoltarmi..nemmeno quello :cry:

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 16 luglio 2009, 14:05

Ciao Kurt,
non arrabbiarti se non ti si risponde subito, nessuno sta qui 24 ore al giorno :wink:
Per quanto riguarda il rapporto con tuo padre, non so come sia nato tutto questo astio che sembra esserci fra voi due, forse è radicato nel tempo, negli anni. Si arrabbia di vederti alla playstation perchè probabilmente avrebbe voglia di vederti attivo, vederti guadagnare i tuoi soldi, fare vita sociale e così via.
E' un modo un pò brusco per stimolarti, me ne rendo conto.

KurtNiko87
Messaggi: 31
Iscritto il: 15 luglio 2009, 12:10

Messaggio da KurtNiko87 » 16 luglio 2009, 14:56

sarina85 ha scritto:Ciao Kurt,
non arrabbiarti se non ti si risponde subito, nessuno sta qui 24 ore al giorno :wink:
Per quanto riguarda il rapporto con tuo padre, non so come sia nato tutto questo astio che sembra esserci fra voi due, forse è radicato nel tempo, negli anni. Si arrabbia di vederti alla playstation perchè probabilmente avrebbe voglia di vederti attivo, vederti guadagnare i tuoi soldi, fare vita sociale e così via.
E' un modo un pò brusco per stimolarti, me ne rendo conto.
si col passare degli anni i rapporti con mio padre sono peggiorati sempre di piu', sopratutto da quando avevo 17-18 anni periodo in cui ho lasciato la scuola e il cazzeggio.... ma per quanto mi ricordo anche quando ero piu' piccolo ci sono sempre stati contrasti tra di noi, io non sono mai stato aperto con lui per quanto mi sforzassi.. non capisco il perche', forse perche' lui non ha mai avuto un padre o meglio gli e' morto quando aveva solo 3 anni. e io infatti mi chiedo sempre come sarebbe stato se io avessi avuto il mio secondo nonno e lui un padre, secondo me sarebbe stato tutto diverso.

lunatica
Messaggi: 32
Iscritto il: 20 giugno 2009, 20:15

Messaggio da lunatica » 16 luglio 2009, 18:09

ciao! sicuramente tuo padre nn usa i migliori modi per spronarti :( .. però..anke tu, a mio avviso, nn ti trovi in 1posizione ottimale,cerca di capirlo!ok ..la scuola nn fa per te,nn è un obbligo laurearsi ! però adesso datti una mossa, cerca lavoro cn piu insistenza(lo so ke nn è semplice), dai anke una mano in casa(il minimo indispensabile per un ragazzo è piu ke sufficiente!), fatti vedere attivo! in questo modo riuscirai anke a far velere di piu le tue ragioni quando litigate senza sentirti in colpa per niente, in fondo ti stai impegnando!
Tranquillo ke nn solo tuo padre ha un caratteraccio!! Pazienta e comincia a costruire il tuo futuro..
Ariete85

Rispondi

Torna a “Genitori e figli:quando il dialogo è difficile”