Problema

I rapporti con i coetanei e le coetanee; i rapporti con i genitori; le problematiche relative alla scuola; i rapporti con gli adulti.
Rispondi
LadyElisabethx
Messaggi: 2
Iscritto il: 24 ottobre 2010, 12:32

Problema

Messaggio da LadyElisabethx » 25 ottobre 2010, 14:50

Sono una ragazza di 18 anni che sta affrontando numerosi problemi. Premetto che sono un pò introversa e chiusa.
Da piccola parlavo con poche persone o con nessuno. Poi crescendo sono cambiata, diventata più socievole e ho stretto amicizie importanti. Tuttavia è un anno o più che mi sento come ingabbiata, intrappolata dentro un mondo che mi fa soffrire. Inoltre dato che ho sperimentato che oggigiorno non ci si può fidare di nessuno, tengo dentro me i miei problemi, conscia del fatto che nn fa bene. Ebbene l'anno scorso i miei genitori hanno litigato pesantemente con i miei zii, che li insultavano ingiustamente per motivi che sarebbero troppo tanti da scrivere. Comunque i rapporti tra le famiglie si sono frantumati irreparabilmente, e con conseguenze: mio padre è caduto in depressione, mia madre x un cero periodo ha preso ansiolitici. Noi loro figli li abbiamo visti piangere in silenzio, x un anno intero. Adesso la situazione è un pò migliorata, nn si litiga più, ci si saluta per "dovere", ma si va avanti. Quello che nn dimenticherò mai è stato quando mia zia mi ha detto "vai a rileggerti il vangelo", quando io nn le avevo detto nulla di offensivo.. comunque, nn vorrei annoiarvi, ma nn è tanto questo ilo problema, quanto il fatto che per colpa di questo avvenimento mi sono chiusa in me stessa, verso gli amici e i miei compagni d classe. Stavo male, ma loro non hanno fatto nulla per aiutarmi, anzi, mi davano nomignoli per niente piacevoli. Inoltre ho perso la mia sicurezza.. sono più tante le volte in cui mi sento insicura e titubante, piuttosto che ferma e sicura. Infatti temo il giudizio, non riesco più a reggere uno sguardo.. a volte ho paura dei miei compagni, perchè per certo che hanno parlato male di me, perchè mi sono chiusa. Inoltre mi prendono in giro.. temo che mi considerino insignificante..... vorrei cambiare, ritornare ad essere quella che ero, ma al contempo ho paura. Quest'anno finirò le scuole superiori, e vorrei iniziare l'università con un diverso slancio caraterizzato dalla sicurezza. Ma so che nn è una passeggiata, e per fare ciò devo cambiare da ora. Cosa posso fare? Temo di essere noiosa, mi viene sempre l'ansia ad andare a scuola e sopportare.. mi faccio mille paranoie.. mi sento inadeguata. Ma a volte ci sono, anche dei momenti o giorni in cui sono sicura di me: quando riesco a parlare con una mia amica. Però il più delle volte sono sola, isolata.. a volte anche volontariamente perchè penso che le persone con cui vorrei parlare non mi considerano............ insomma, che posso fare?

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 25 ottobre 2010, 17:33

Ciao,

innanzitutto vorrei dirti che qualunque cosa deciderai di raccontarci, non ci annoierai mai. Anzi, potrebbe aiutarti a ripercorrere con un maggiore distacco eventi che hanno avuto un impatto significativo sulla tua persona.

La seconda cosa che vorrei invitarti a fare è a non fissarti obiettivi stringenti nella tua esigenza di trasformazione personale. Imporsi dei limiti tipo "entro il" non fa altro che peggiorare le cose e aggiungere ansia e aspettative su un percorso che invece richiede tempo e serenità. Nella mia esperienza non è possibile voltare pagina di colpo, nel senso che non credo ti aiuterà immaginare di andare all'Università e affrontarla con uno spirito totalmente nuovo. Potresti ritrovarti nelle stesse condizioni di oggi alle prime difficoltà.

Detto questo, non pensare che il mio sia un messaggio di rinuncia, anzi, tutt'altro. La buona notizia è che cambiare è possibile, anzi è inevitabile. Così come sei cambiata "chiudendoti in te stessa" sarà possibile cambiare aprendoti alla vita. Ma per fare questo non ti concentrare sulle aspettative di cambiamento. Concentrati sul vivere la vita nel momento presente. Per esempio, quando ti senti insicura, non pensare che "non ci riuscirò", ma prova a chiederti da dove viene la tua insicurezza. Se è davvero reale o se è solo un tuo pensiero. E se puoi comunque agire nonostante la tua insicurezza.

Infine, prendi in seria considerazione l'ipotesi di rivolgerti di persona a uno psicologo. A volte nella vita ci capita di vivere situazioni che mettono su di noi un peso, e dal quale è estremente difficile liberarsi da soli. Per questo è utile farsi aiutare da una persona esperta.

Se la cosa ti spaventa, credimi è normale, ma devi avere fiducia.

Un abbraccio
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “Adolescenza”