Paura che si trascina dall'infanzia

Riconoscere, dare valore, esprimere e gestire le proprie emozioni permette di vivere una vita migliore con se stessi e con gli altri. Il corpo, come sede della vita emozionale, comunica importanti messaggi, attraverso sintomi e disagi, ma anche attraverso vibrazioni e flussi di energia. Obiettivo della discussione è favorire nuovi apprendimenti sulle emozioni e sul linguaggio del corpo.

Moderatore: Dr.ssa Sandra Pierpaoli

Rispondi
trudy1983
Messaggi: 7
Iscritto il: 7 dicembre 2009, 21:23

Paura che si trascina dall'infanzia

Messaggio da trudy1983 » 7 dicembre 2009, 21:36

Salve, non so se questa è la sezione giusta, ma spero che possa esserlo...
In questi gg non riesco a dormire perchè ho paura di chiudere gli occhi... Parto dalla mia infanzia per raccontare alcune cose che io ncora non sono ruscita a spiegarmi, ma che sicuramente sno legate alla mia paura del buio e a quella che mi viene spessissimo la notte, come in questi gg.

Spero di riuscire ad esporre il tutto brevemente...
Sin da quando ero piccola, mi accadono cose assurde. Cose che i miei genitori hanno sempre ritenuto fantasie o sogni...
Devo dire che adesso è già da un pò che non mi accade più nulla..
Ad ogni modo, vi elenco un pò le cose, chiedendovi, se sapete qualcosa in merito o se anche a qualcuno di voi, sono succese cose simili..
Parto dal fatto che quando ero piccola, non passavo una sola notte senza incubi. Ho avuto un'infanzia felicissima, ma la notte, per me era terrore allo stato puro..
C'era sempre qualcuno che voleva farmi del male e la maggior parte delle volte, mi senivo spingere giù per terra e ovviamente ne ero terrorizzata, Oppure sentivo mani, o meglio dita, che mi premevano con forza sulla pancia..
Vedevo cose strane sopra il comodino, o in giro per la camera.. Questo delle cose in giro, mi capitava anche quando mi mandavano a dormire il pomeriggio...
Altra cosa che ha segnato non poco le notti della mia mia infanzia e non solo, è questa:
Nel cuore della notte, mi svegliavo e sentivo le coperte volar via di botto come se qualcuno me le avesse strappate con violenza...
Io dopo mille preghiere e dopo essermi calmata, accendevo la luce e le coperte si trovavano tutte ai piedi del letto... Ma non arrotolate come le si può trovare dopo averle spinte inconsciamente nel sonno.. Queste erano messe bene e finivano per terra come se realmente qualcuno me le avesse strappate di dosso lasciandole cadere perfettamente.
dopo i 9 anni, questo delle coperte mi è successo solo 2 o 3 volte.. Sempre la stessa prassi, tranne l'ultima volta che successe..
Accadde un 10 anni fa.
Stavo a letto, mi svegliai per andare in bagno ed ero paralizzata. Non riuscivo a muovere un solo muscolo.. Dopo le mie solite mille preghiere, pian piano riuscii a sbloccarmi e accesi la luce...
Andai in bagno accendendo tutte le luci che avevo a disposizione.
Tornai a letto e appena spenta la luce, VIA LE COPERTE e sentii qualcosa entrarmi dentro. La sensazione era quella di un vuoto d'aria...
Altra cosa che mi capita non spessissimo ma cmq tutt'ora, è che, sempre di notte eh, mi sembra di avere non so nemmeno io cosa dentro lo stomaco o nell'addome. Non riesco mai a capire quale delle due zone sia o se siano coinvolte entrambe... é come se questo qualcosa si muovesse dentro di me ed io devo continuamente cambiare posizione per non sentirlo più, come se dovessi infastidirlo...
Una delle ultime cose che mi è successa, sempre qualche anni fa, è questa:
Andai in bagno e lasciai la porta socchiusa.
Mentre lavavo le mani, vidi dallo specchio la porta aprirsi e mamma sulla soglia, con la sua camicia da notte, che mi fissava con uno sguardo terrificante. come se fosse vuoto.
Io le chiesi cosa cosa volesse e lei indietreggiò e andò verso la mia camera..
Dopo il bagno c'è solo la mia camera e lo sgabuzzino.
Uscii di fretta e andai a controllare in camera mia. Di mamma nemmeno l'ombra. Nello sgabuzzino idem..
Lei non è assolutamente sonnambula e quando il gg dopo glielo dissi, ovviamente mi disse che era un sogno..
Un'altra volta invece, mi svegliai con un bordello assurdo in camera...
Ricordo quei rumori come fosse successo pochi minuti fa. Era come se in camera mia fosse pieno di scafali di ferro pieni di ferraglie varie e che in quel momento stessero crollando tutti insieme...
Io sono straconvinta che tutto questo sia reale, che non sto dormendo mentre accade. Anche perchè delle volte ero addirittura in bagno.. quindi...
Da poco mi han detto dell'esistenza dele allucinazioni ipnagociche che potrebbero spiegare alcune cose, ma non tutte. Voi cosa pensate????
Mi hanno conisgliato di parlare conuno psicoterapeuta spero che qualcuno mi possa dare delucidazoni su tutto ciò...
Grazie mille :roll:

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 7 dicembre 2009, 22:14

Ciao,
purtroppo non ho davvero una spiegazione a tutto questo, ma volevo solo dirti che ho letto e che ti abbraccio.
Spero riuscirai a trovare il filo conduttore.

trudy1983
Messaggi: 7
Iscritto il: 7 dicembre 2009, 21:23

Messaggio da trudy1983 » 7 dicembre 2009, 22:22

ti ringrazio... sei dolcissima.... un abbraccio anche a te

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 7 dicembre 2009, 23:02

Io penso che parlare con uno psicoterapeuta (anche più di uno se è il caso) possa aiutarti a interpretare quello che ti succede. Quale sia poi il modo migliore di risolverla, non saprei dirti. Ma parlarci è meglio che non parlarci.
Un abbraccio
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

trudy1983
Messaggi: 7
Iscritto il: 7 dicembre 2009, 21:23

Messaggio da trudy1983 » 8 dicembre 2009, 13:34

Ciao Sergio.. Lo so, ma io purtroppo ho difficoltà a parlare di me stessa... Ecco perchè ho cercato un sito dove ho la possibilità di farlo per via scritta...

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 8 dicembre 2009, 21:11

Se hai difficoltà a parlare di te stessa, questo può essere già un primo passo...una via d'inizio.
Da qualche parte si dovrà pur cominciare, e tu hai trovato questo luogo :wink: brava.
Io penso che Sergio abbia ragione. La chiave per i tuoi disagi è certamente dentro di te, ma hai bisogno di qualcuno che ti aiuti a trovarla. Provaci, pensa che uno psicoterapeuta altri non è che uno specialista che può darti una mano. Capisco la pesantezza nel parlare di sè, ma non è detto che ci si debba aprire tutto in una volta :wink:

trudy1983
Messaggi: 7
Iscritto il: 7 dicembre 2009, 21:23

Messaggio da trudy1983 » 9 dicembre 2009, 0:43

ragazzi lo so, avete pienamente ragione, ma io riesco ad aprirmi solo in questo modo... ma non rispondono mai degli esperti qui? non partecipano alle discussioni?

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 10 dicembre 2009, 14:06

Ci sono sezioni con moderatori più attivi e altre in cui non intervengono quasi mai.

Avatar utente
summer
Messaggi: 933
Iscritto il: 21 giugno 2006, 22:22

Messaggio da summer » 11 dicembre 2009, 22:02

ciao trudy, la tua storia mi ha colpita molto. sembra una dissociazione onirica di una violenza sessuale in ambito familiare. taciuta, rimossa, non del tutto compresa. tu sei davvero certa che nessuno sia mai entrato in camera tua?

sandra.pierpaoli
Messaggi: 123
Iscritto il: 20 gennaio 2005, 10:07
Località: Roma

Messaggio da sandra.pierpaoli » 13 dicembre 2009, 23:53

Ciao Trudy,
ciò che mi colpisce della tua storia è che parli di un'infanzia felicissima e contemporaneamente descrivi incubi, sensazioni e visioni davvero poco rassicuranti e "la notte terrore allo stato puro".
Può succedere che emozioni di vario genere (che possono essere legate alla paura e al terrore o alla sessualità o all'aggressività o a una miscela di vissuti) vengano del tutto rimosse e non trovino alcuno spazio per essere vissute nella propria vita quotidiana.
Soprattutto nell'infanzia, quando le difese dell'io sono meno sviluppate, nel cercare altri canali di espressione convogliano nei sogni ( che diventano incubi) e anche in altre manifestazioni più inquietanti come quelle che descrivi.
Credo sia molto positivo che tu abbia raccontato qui la tua storia, Trudy, perchè parlare e condividere è il modo migliore per iniziare a risolvere i propri problemi.
Ed è un'ottima idea quella di rivolgerti ad uno psicoterapeuta, con il quale ( o la quale) sviluppare gradualmente un rapporto di fiducia.
E' un'ottima idea farlo anche se inizialmente non riesci ad aprirti, anche se stai in silenzio, non importa, perchè ciò che conta è che tu possa costruire una buona relazione sicura.
Se nel frattempo, ti va di scrivere ancora in questa sezione, possiamo continuare a parlare in questo modo, per un pò..

Rispondi

Torna a “Corpo ed emozioni”