La persistente solitudine e il desiderio di essere amati

Riconoscere, dare valore, esprimere e gestire le proprie emozioni permette di vivere una vita migliore con se stessi e con gli altri. Il corpo, come sede della vita emozionale, comunica importanti messaggi, attraverso sintomi e disagi, ma anche attraverso vibrazioni e flussi di energia. Obiettivo della discussione è favorire nuovi apprendimenti sulle emozioni e sul linguaggio del corpo.

Moderatore: Dr.ssa Sandra Pierpaoli

chicco
Messaggi: 357
Iscritto il: 6 novembre 2007, 12:17

Messaggio da chicco » 22 dicembre 2007, 18:45

doomgeneration ha scritto:che vuol dire? storie sentimentali? certo che le ho avute e una la sto vivendo....come la maggior parte di noi qui dentro.
ti voglio far capire una cosa molto semplice: se fosse per gli altri (quelli che non ci conoscono e non sanno che esistiamo) moriremmo di fame. tralasciamo i genitori, gli amici, quelli con cui abbiamo a che fare: come fai a far sapere che esisti a chi non ti conosce???? solo dimostrando che esisti appunto!!!!!il mondo non si interessa di te, di noi, finche non siamo noi a interessarci di esso. tanta gente non capisce questa cosa e finisce per rinchiudersi in se stessa aspettando che qualcuno faccia una magia e gli altri si accorgano di lui....... tu parli di qualita interiori....significa che esteticamente non ti senti attraente? il sentirsi belli e piacevoli quindi attraenti è il primo passo per farsi notare. se tu nn ti senti così mi spieghi come fanno gli altri a sentirlo?? inoltre riguardo alle qualità interiori: è ovvio che se vai in discoteca le qualità interiori non si notano. perché non frequenti posti dove queste qualità che ritieni di avere possano venire fuori?
se non hai mai davvero avuto relazioni amorose non so quanti anni tu abbia ma sono sicura che il problema è in te e non negli altri. anche la persona piu brutta ma simpatica e a suo modo affascinante riesce ad avere delle relazioni!!!! dai.
da quello che scrivi sembra che tu ti senta molto affascinante e bella o mi sbaglio?

Rispondi

Torna a “Corpo ed emozioni”