alcolismo e dipendenze

Il ricorso alle sostanze stupefacenti o la messa in atto di comportamenti capaci di evocare forti sensazioni di eccitazione e di euforia: tentativi di automedicazione che possono avere effetti disastrosi sulla persona, sul suo ambiente e sulla società. Parliamone. Per promuovere riflessione e consapevolezza. Sia nei diretti interessati che nelle persone a loro vicine.
Rispondi
ladybarcollando
Messaggi: 6
Iscritto il: 13 ottobre 2011, 19:05

alcolismo e dipendenze

Messaggio da ladybarcollando » 28 aprile 2012, 23:33

Salve a tutti,da un pò di tempo un problema mi affligge,anche se non mi riguarda direttamente. Una mia carissima amica, sposata da poco più di un anno e con alle spalle problemi di depressione e anoressia, ha scoperto da poco che il marito è entrato nella spirale dell'alcolismo. Torna a casa sempre tardi, puzza di alcool e sbanda, non è violento,ma non vuole ammettere di avere un problema. Sostiene che è solo un brutto periodo con il lavoro,e che non ha bisogno di aiuto. Tra l'altro non ha un contratto regolare, lei è disoccupata e si arrangia con lavoretti saltuari come collaboratrice domestica,in nero. Vivono in una grande città e spesso il denaro non basta,così lei è costretta a fare turni massacranti. Lei ha cercato di affrontare l'argomento con lui e con la famiglia di lui, che però si è mostrata incurante del problema e ha cercato di minimizzare. Tra l'altro ha iniziato anche a giocare d'azzardo,e in pochissimo tempo ha delapidato tutti i risparmi che avevano messo da parte dopo il matrimonio. Io temo per la salute della mia amica,che è già molto fragile,e anche se sta seguendo un percorso con uno psicoterapeuta sostenuto da una cura farmacologica, ho paura che ricada di nuovo nel tunnel della depressione.Tra l'altro spesso ultimamente ha delle fasi in cui si nega al telefono(purtroppo abitiamo in due città molto distanti,e io non ho la possibilità di raggiungerla), e passa le giornate chiusa dentro casa a piangere o a dormire. Le ho consigliato di aspettare ancora un pò per vedere se riesce a convincerlo a farsi curare,e poi eventualmente tornare a vivere con i suoi,anche se so già che vivrà la cosa come l'ennesimo fallimento,e i suoi ci resteranno molto male,perchè lei ha 39 anni e pensano che sia troppo grande per rifarsi una vita; senza contare che vivono in un piccolo paese del sud,e una cosa del genere è considerata una vergogna. Ho cercato di farle capire che non può rovinarsi la vita,che può aiutarlo solo se lui si lascia aiutare,d'altro canto mi rendo conto che si tratta sempre di suo marito,ed è difficile. Io sono single e più giovane di lei di una decina d'anni,e magari vedo le cose da un punto di vista differente,ma credo che sacrificare sé stessi fino ad annullarsi sia semplicemente assurdo. Lei ne ha già passate tante per via della sua malattia,rinunciando a molte cose, non è giusto che continui a soffrire solo perchè non si è accorta prima chi aveva accanto. Sono preoccupatissima e non so con chi parlarne,come posso aiutarla???

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: alcolismo e dipendenze

Messaggio da leo » 29 aprile 2012, 6:31

La cosa più assurda è che qualcuno stia convincendo la tua amica a seguire una cura a base di farmaci.
Intendiamoci , in molte situazioni possono essere utili, ma certo non in questa. Ne in situazioni simili. La causa del suo star male è così lampante... altro che psicofarmaci.. come dici giustamente tu occorre un cambiamento.
Potrebbe convincere il marito a cambiare comportamento.... oppure lasciarlo, se quest'ultimo non la ama abbastanza per cambiare per lei.... se i suoi genitori sono così arretrati da non considerarla emancipazione, ma 'una cosa di cui vergognarsi', allora forse potrebbe andare a vivere temporaneamente da un'amica fidata....
Intendiamoci viene sempre prima il dialogo. Adesso non posso immaginare la situazione nel dettaglio.. se lui non è violento allora forse sarà anche abbastanza intelligente da starla ad ascoltare, chissà forse le cose potrebbero sistemarsi in questo modo..... In caso contrario deve allontanarsi. Non può rimanere vicino ad una persona che la rende infelice. Che siano sposati o meno non fa nessuna differenza penso...
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Rispondi

Torna a “Dipendenze patologiche”