Droga

Il ricorso alle sostanze stupefacenti o la messa in atto di comportamenti capaci di evocare forti sensazioni di eccitazione e di euforia: tentativi di automedicazione che possono avere effetti disastrosi sulla persona, sul suo ambiente e sulla società. Parliamone. Per promuovere riflessione e consapevolezza. Sia nei diretti interessati che nelle persone a loro vicine.
Rispondi
leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: Droga

Messaggio da leo » 20 settembre 2012, 1:07

Vorrei sapere qual è la droga più diffusa oggi?
La domanda è mal posta
Probabilmente la marijuana, tra le sostanze stupefacenti illegali. La droga più diffusa credo siano le sigarette o l'alcol, oppure la caffeina.... difficile dirlo.

Cosa si prova dopo aver assunto una droga e quali sono i sintomi e gli indizi che ci fanno capire che una persona è schiava della droga?
Scusa a chi pensi che possa rispondere a una domanda del genere? Una droga, quale droga??

Ti consiglio di documentarti leggendo libri sulla materia, scritti da specialisti, e internet.

Ti ricordo per l'ennesima volta che 'droga' è una parola vuota, che vuol dire tutto e niente.... e non lo dico io, lo dicono persone che a studiare il fenomeno della dipendenza han dedicato tutta una vita.

Gli indizi? Per esempio, conosci una persona che prima di un esame o di un colloquio non può fare a meno di prendere un ansiolitico? Oppure conosci qualcuno che si beve due o tre tazze di caffé al giorno? Oppure conosci un fumatore accanito? Oppure qualcuno che usa anti-depressivi?
Queste persone sono tecnicamente schiave di sostanze che rientrano nella definizione 'droga'....

Per iniziare ti consiglio di leggere LE DROGHE di Enrico Malizia e Stefania Borgo, ottimo libro divulgativo.
(Dopo aver letto la prefazione capirai perché usare la parola droga/drogato non ha poi molto senso)

Ti consiglio anche ti non limitarti a scritti divulgativi ma di andarti a leggere delle opere di narrativa (che siano racconti o romanzi poco importa, la letteratura su questo tema è infinita..).
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Droga

Messaggio da Haries Cavalier » 4 ottobre 2012, 19:03

Salve, ciao amore


do ragione a leo ...
tutto è diventato droga ma penso comunque leo, ke amore si riferisse alle vere Droghe, cannabis, pasticche, metadone, crach, hashis ...
comunque la più usata anche quasi, sotto gli occhi di tutti è quella espressa da leo, la marijuana ...
Rispondo al fatto che un buon indizio per capire se uno è Dipendente, perchè è quello che volevi esplicitare, immagino, quando uno pone una domanda del genere :
<< Ma ti droghi ?!>> ed uno risponde negando ridendo, ma tanto ...e movendo gli occhi senza guardare l' interlocutore neglio occhi, indice che è agitato e che possa veramente essere una persona che ha incominciato ad essere dipendente oppure,
uno che fa tante battute su di essa ( la Droga ) oppure casi più estremi quando una persona adulta lo chieda veramente ed uno riponde con la tipica frase
<< Io non, mi faccio, assolutamente !>> o se ha incominciato appena ed è stato scoperto e gli si propone la stessa domanda dicendogli che è in difficoltà:
<<Io, sono a posto. Posso smettere quando voglio!>> questa risposta è indice che uno è proprio dipendente ...
lo dico per esperienza avendo avuto una specie di dipendenza ma non con la Droga ma con un' altro problema negativo ...
queste frasi si ripropongono in qualsiasi Dipendenza, amore e stanno a significare se uno o, non è dipendente ...
Ma spesso chi fuma tanto, si comporta in modo strano, ridendo continuamente non riuscendo a gestirsi e a controllarsi nemmeno se lo si sgrida e dicendo cose fuori posto e ridicole : ride sempre uno che fuma tanto ...

spero di essere stata abbastanza esaudiente,

Haries Cavalier


Haries Cavalier
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Rispondi

Torna a “Dipendenze patologiche”