cosa c'è dietro a una canna

Il ricorso alle sostanze stupefacenti o la messa in atto di comportamenti capaci di evocare forti sensazioni di eccitazione e di euforia: tentativi di automedicazione che possono avere effetti disastrosi sulla persona, sul suo ambiente e sulla società. Parliamone. Per promuovere riflessione e consapevolezza. Sia nei diretti interessati che nelle persone a loro vicine.
strange82
Messaggi: 10
Iscritto il: 14 dicembre 2006, 14:39

cosa c'è dietro a una canna

Messaggio da strange82 » 21 gennaio 2008, 23:30

Ciao, ho bisogno di voi, forse potete aiutarmi a capirci qualcosa..Premesso che io non fumo, non bevo, e odio queste cose..sono qui per parlare del mio ragazzo, e della situazione difficile in cui mi trovo..per sfogarmi..Premetto anche che io e lui siamo felici, stiamo bene, siamo innamorati da più di un anno ormai, solo che la cosa “ è relativa “, nel senso che purtroppo non è sempre così, e il problema è appunto la droga, o più precisamente, le canne che si fa tutti i giorni…E’ chiaro che non è facile per una persona come me stare con uno come lui, ma io non sono qui a chiedervi se faccio bene o no, su questo non si discute..io vorrei solo capire PERCHE’ lo fa, anzi..è da quando lo conosco che mi chiedo come possa una persona arrivare fino a questo punto per sentirsi bene e felice, e male quando non lo fa. Io l’ho conosciuto con la canna in mano praticamente, e anche se non faccio uso di queste cose, non sono ignorante, anzi penso di sapere molto ormai, anche perché mi sono informata, ho letto tanto…e lui non fa altro che confermare tutto ciò che si sente o che si legge: quando si fa una canna è rilassato, tranquillo, si sente bene, è allegro, mentre invece quando è in astinenza è una persona intrattabile..lo sanno anche i bambini che tra gli effetti del fumo c’è l’immediata rilassatezza ( almeno..per lui è così ) e in generale tutte sensazioni piacevoli,..ma a me tutto questo non basta!!il “ perché “ che voglio sapere io ha un altro significato: il mio ragazzo, e quindi in genere chi fuma come lui, è una persona felice o invece no? Cioè..mi spiego meglio, anche perché so bene che non potete darmi una risposta voi…è possibile che lui fumi solamente per provare quelle sensazioni piacevoli e basta? Se le vuole provare a tutti i costi, allora che cosa c’è dietro? Come si sente? Non è che magari dietro ci sono pensieri, preoccupazioni, problemi…o chi sa quale altra cosa, che lui vuole nascondere, da cui vuole scappare, a cui non vuole pensare? Io questa cosa non la chiedo più a lui, perché mi risponde semplicemente che sta bene così, che è felice…ed effettivamente io lo vedo così, solo che è SEMPRE così!1Insomma io questo ragazzo non lo vedo mai preoccupato, mai pensieroso, mai triste o giù di morale, io non ho mai visto il mio ragazzo semplicemente come potrei essere io, o qualsiasi altra persona normale, con le sue giornate no, e momenti dolorosi. Le sue giornate sono sempre belle e rilassanti, è sempre felice e allegro, non smette mai di ridere, non si fa mai una paranoia, e infatti per questo a volte lo invidio, ma poi mi fermo un attimo e penso: “ ma lui è davvero così? O è tutto l’effetto di quello che fuma? “…vi sembrerà strano ma io non riesco a capirlo, perché il mio ragazzo passa quasi la giornata intera fumando, quindi sono pochi i momenti in cui non è sotto l’effetto del fumo, e quando arrivano quei momenti in effetti è in crisi, è insopportabile, e così si corre di nuovo a prendere dell’altro fumo…lui è un ragazzo d’oro, non lo cambierei per nessun altro al mondo, e nonostante tutto non mi fa mancare niente, certo ogni tanto è un po’ “ addormentato “, ma il mio problema non è quello…Io so solo che non ha avuto una vita per niente facile, anzi..due genitori separati, (il padre che picchiava la madre), il brutto rapporto con il nuovo compagno della madre, l’infanzia difficile a scuola, una bambina avuta prestissimo, insomma..e altre esperienze brutte e difficili…eppure ogni giorno sono sempre più stupita delle sue reazioni, di come prende la vita, il mondo, le persone, di come è spensierato, lui è la “ serenità in persona “, o almeno credo…e non che io non ne sia felice, per carità, è quello che gli auguro tutta la vita, però cavolo, possibile che non sia mai triste? Ho sempre pensato che le persone che fumano avessero dei problemi, e che quindi fosse un modo per non pensarci, così come l’alcol magari, mi sono sbagliata o no?
Grazie mille per l’attenzione

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 22 gennaio 2008, 2:27

il tuo messaggio mi fa sorridere perche anche il mio ragazzo fuma un bel po', a differenza tua però lui non è sempre sorridente anzi sta passando un periodaccio e se non fumasse sarebbe intrattabile,come dici tu...sinceramente non vedo perche dovresti farti troppi problemi, c'è implicito un giudizio nel tuo racconto, quello di una che "Non fuma non beve odia queste cose...".... ora io se fossi in te non mi preoccuperei piu di tanto, anche perché se ci pensi di modi per volere nascondere i problemi ce ne sono di peggiori..ti assicuro!! non solo l'alcol, ma le droghe pesanti che con le canne non hanno niente a che vedere...e mi sembra che il tuo ragazzo fumi solo le canne...quindi alla fine non è poi messo così male!! secondo me sei te che ti fai troppi problemi, come mai sei così intransigente? il fatto che tu odi "queste cose" non ti giustifica e non ti da' il diritto di sapere cosa è piu giusto per gli altri..anche se è il tuo ragazzo...

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 22 gennaio 2008, 11:05

Quanti anni ha il tuo ragazzo?
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

strange82
Messaggi: 10
Iscritto il: 14 dicembre 2006, 14:39

Messaggio da strange82 » 22 gennaio 2008, 12:17

ne ha 24

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Messaggio da leo » 12 febbraio 2008, 3:52

DOomGEneration ha praticamente detto tutto. Non devi preoccuparti più di tanto. Innanzi tutto le canne sono la droga Meno pericolosa che esista e anche se usata quotidianamente, per quello che si sa finora, NON da assuefazione fisica... Quindi il fatto che sia intrattabile quando non fuma non penso significhi che stia veramente MALE. Non esiste (ripeto: per quanto si sa) ASTINENZA da canne. L'alcol è pericoloso, l'eroina la cocaina sono PESSIMI metodi per cancellare i propri problemi e stare bene.. le canne sono un modo per amplificare un benessere che già si prova... Infatti, come sicuramente avrai letto, se si sta male o si è ansiosi e ci si fa una canna si va in paranoia. Credimi, il tuo ragazzo ha scelto un buon modo pr rilassarsi... Purtroppo non sono sostanze legali, ma dovrebbero esserlo.. (oppure bisognerebbe proibire alcol e sigarette, che sono 10 volte più pericolose)....
Lascialo fare, non giudicarlo. Semmai potresti dirgli di non esagerare... Alla fine gli eccessi sono sempre dannosi, di qualunque cosa si tratti.

Te lo dico come lo direi a un'amica. Non preoccuparti più del dovuto, parlane con lui apertamente ma non farti troppi problemi. Non c'è niente di male nel fumare le canne.....
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

mirwen
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 febbraio 2008, 20:58

Messaggio da mirwen » 15 luglio 2008, 0:53

Il messaggio è vecchio ma voglio rispondere lo stesso e spero k strange82 lo legga...allora tanto x dirne una nn è vero k le canne nn fanno male e nn danno dipendenza;il fumo di ora(sopratutto alcune tipi)è mischiato con altre sostanze generalmente sintetiche k vanno a picchiare nel cervello,per qs poi si arriva ad avere paronoia,depressione ecc....poi, la dipendenza,bè da poca dipendenza fisica o meglio ci vuole del tempo e un uso prolungato x sviluppare una dipendenza fisica ma da una forte dipendenza psicologica,a livello simbolico,ritualistico.Mi pare che le due persone k sono intervenute siano un pò "d parte",liberissime d farlo io nn giudico nessuno ma nn diamo informazioni sbagliate...xk il tuo ragazzo lo fa??bè forse xk fa parte ormai di un abitudine della sua vita,x la serie: mi fa star bene,mi aiuta,mi rallegra ecc ecc in realtà molta è autosuggestione;oppure lo fa xk è nella fase(ancora):lo faccio xk in compagnia lo si fa;oppure ancora ha trovato un "sedativo"x "affrontare"la vita(nn a caso il verbo è tra virgolette);oppure è diventato un seguace di jah ma ne dubito(il rituale d fumare maria è nato come mezzo x arrivare alla divinità jah..vi risparmio tutta la filippiaca a riguardo, :D )
Ultima cosa,ok le canne fanno meno male dell'eroina,della coca..ma fa anke meno male una martellata in testa e nn costa nulla;voi ve la dareste una martellata così da svenire e nn sentire più le preoccupazioni??anke rompersi una gamba è meno grave k doverla amputare,nn so voi ma io evito volentieri entrambe le cose.Poi certo bisogna vedere in k contesto si fa il termine d paragone e c'è da rendersi conto k x una persona k conduce una vita "normale" può essere difficile stare affianco a qualcuno k è sempre stordito,con qs ripeto nn giudico nessuno..anzi consiglio generale: ragazzi son sicura k ognuno di voi crede d avere un buon motivo x autodistruggersi,ma ne vale davvero la pena sprecare tutto così??a voi la risposta :D
spera il meglio e aspettati il peggio

giantana

Messaggio da giantana » 17 luglio 2008, 10:50

...
Ultima modifica di giantana il 2 settembre 2009, 21:21, modificato 1 volta in totale.

strange82
Messaggi: 10
Iscritto il: 14 dicembre 2006, 14:39

Messaggio da strange82 » 18 luglio 2008, 14:57

ho letto la tua risposta mirwen grazie..capire e conoiscere meglio il mio ragazzo è quello che sto cercando di fare, ma se mi sono rivolta a voi è proprio perchè da sola non riesco, volevo solo sapere se qualcuno di voi, detto in parole povere, si fa le canne come lui per scappare da qualcosa...lui mi dice che lo rilassano, lo fanno stare bene, lo fanno dormire la notte. la realtà è ch eforse io un po lo invidio, vorrei sentirmi come lui, io sono una che si fa mille seghe mentali,paranoie, dubbi, incertezze, problemi per ogni cosa, lui invece no, vorrei capire se è per quello che si fuma se riesce ad essere così da normale, io vorrei diventare come lui, essere sempre serena e tranquilla, ma non voglio iniziare a farmi le canne! e nemmeno lui vuole...

mirwen
Messaggi: 44
Iscritto il: 25 febbraio 2008, 20:58

Messaggio da mirwen » 18 luglio 2008, 18:08

Dunque può darsi si k lui lo faccia x "affrontare la vita",ma nn ti sembra forse k sia meglio vivere la vita senza filtri,senza barriere fittizzie coi suoi lati positivi e negativi??nn so qualsi siano le cose k ti portano a farti le seghe mentali ed a stare in ansia ma forse potresti trovare un altro modo x affrontarle o trovare un modo x sfogare lo stress k xò sia sano e nn ti bruci il cervello,tipo nn so la palestra,il nuoto...farsi le canne nn è un modo x affrontare meglio i problemi ma solo un modo x scappare da loro,la forza trovala in qualcosa di positivo..:)
probabilmente lui negli anni ha trovato nelle canne il modo x essere sereno anke se è una serenità fasulla,allora ti chiedo è giusto dipendere da una sostanza x credere d essere forti e felici?? un consiglio:nn fare l'errore di iniziare a farti le canne x sentirti più vicino a lui o per cercare di capirlo di più..semmai cerca di portarlo di più verso la sobrietà,sii tu più forte :wink:
spera il meglio e aspettati il peggio

Killmayer
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 settembre 2008, 10:10

Cosa c'è dietro una canna

Messaggio da Killmayer » 11 settembre 2008, 10:24

Chi dice che il fumo o l'erba non portano dipendenza oltre a non avere cognizioni letterarie, dato che in letteratura sono descritte,ma ,fortuna per lui, non ne ha fatto una conoscenza approfondita...costante....giornaliera....per anni...e anni.
poi ti voglio vedere se l'hai o no la dipendenza!
ed è anche fisica,precisamente se vogliamo la etziogenesi è psichica, ma ha effetti fisici, che vi si riversano,quali rinorrea, orripilazione, etc
chi vi parla, hailui, è un eroinomane da più di dieci anni, da altrettanti anni assuntore di metadone; in tutto questo periodo ho sempre fumato anche l'erba, giornalmente e quando sono al riparo (sempre) dall'astinenza da oppiacei, il non star male non è ancora raggiunto; diciamo che si completa fumando.è quella che si chiama una polidipendenza;
dopo anni è poi inevitabile una depressione circostanziale che può diventare anche patologia indipendente andando così incontro a doppia diagnosi.
non so come ho fatto, in questi anni mi sono laureato, ho molti interessi...intellettuali ,e sono riuscito a conservare un'apparenza di normalità; ma al di fuori del lavoro (sono un matematico) e interessi...la mia vita sociale è pressocchè nulla.
la mia fidanzata (tranne relazioni volatili) sono le sostanze...
Nonstante la truce esperienza che vivo tuttora, non so rispondere alla domanda della ragazza; anche io trovo pace solo quando "assumo".
di certo so una cosa, che la dipendenza dalle droghe minori c'è.
non sono nemmeno se è una questione di uso o abuso; probabilmente anche l'uso comporta una dipendenza che ha evidentemente delle "gradazioni" dalle meno fastidiose alle pià conivolgente e totalizzanti come quelle degli oppiacei o della cocaina (quest'ultima nonrientra però nei miei...gusti).
probabilmente , la ragazza penserà di non dargli abbastanza.
bene..non lo pensare, perchè non è così..non centra niente...nè l'amore che si riceve (magari può c'entrare quello che si è ricevuti...in passato)
nè l'imputare la mancanza di volontà alla persona che ne fa uso.
putroppo trrattasi di semplice automedicazione...ed è un sillogismo tanto evidente quanto duro ,probabilmente senza grosse scosse emotive ,impossibile a sradicarsi finquando la routine permette la routine.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Messaggio da leo » 12 settembre 2008, 19:56

Dunque_L' argomento m interessa da sempre.. Ma Se c'è una cosa che non mi piace è fare il saccente. Nel dire quello che ho detto mi sono basato su cose lette (articoli, saggi, libri, tra cui alcuni testi di William il tossicomane, welsh, dick, ecc - che direi che più o meno è letteratura..) e su ciò che mi è stato detto da chi ne fa un uso 'pesante', o cmque di molto maggiore di quello che farò mai io....
..Ed ho detto fondamentalmente 2 cose riferendomi a quella sostanza:

- Che non dà assuefazione fisica;

- Che è la meno pericolosa fra tutte le droghe esistenti, alcol incluso (questo mi pare che sia condivisibile, specie da parte di chi conosce direttamente quel mondo)..

Concordo col fatto che sia soprattutto (e per tutto) una questione di quantità.. DIco però che con tutte le cazzate e demonizzazioni che si sentono in tv, almeno sulla rete bisognerebbe parlare cercando di capire realmente le cose, che se ne abbia o meno esp diretta.
Non dico di avere ragione in senso assoluto, anche perchè non so cosa possa succedere a farsi di canne dieci venti volte al giorno, tutti i giorni .. penso che pochi lo sappiano, però ribadisco quello che ho detto prima..
Se hai qualche lettura da consigliarmi a me va bene, lo farei volentieri e con mente aperta....
Però ti pregherei di non dire che non ho 'cognizioni letterarie'....
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Killmayer
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 settembre 2008, 10:10

Messaggio da Killmayer » 12 settembre 2008, 20:35

Non servono venti canne...ne basta una al giorno!
cmq sbagliare è umano ma perseverare è diabolico!
saccenza o meno io imparo cose ogni momento e da tutti!
ad ogni modo, se qualcuno , dopo la tua, dovesse ancora avere dubbi la dipendenza fisica dal tetraidroccabinolo ,o thc, c'è e come!
certo, non sono dolori , vomito, ovvero tutta la sintomatologia di rimbalzo degli oppiaceima, se possibile ancor peggio:se c'è costanza alle dosi suddette, cioè anche una canna al giorno (è il significato che assume fondamentale piuttosto che la quantità chè per il thc dopo un certo dosaggio è ininfluente sugli effetti riportati), andando avanti per qualche annetto ci sono modificazioni neurochimiche (quel nervosismo di cui la ragazza parla....l'intrattabilità)è più grave di quel che si può pensare, oltre possibili slatentizzazioni di patologie sottostanti (depressione ,ansia, etc)
;come detto si modifica l'assetto neurochimico (sopratutto quello serotoninico e noradrenergico ) e viene ristabilito quando si fuma.
ma attenzione però , non ristabilito "normale" come in qualsiasi persona; è ristabilito in modo comunque alterato rispetto alla norma, e sopratutto (ecco la dipendenza fisica) è un ristabilire funzionale al successivo squilibrio dell'assetto medesimo.ovvero lo provoca.
quindi oltre la dipendenza psichica c'è e come quella fisica. è poi ovvio che non è l'astinenza da oppiacei che si basa su un rimbalzo di mancaza endorfinica.
è altresì chiaro che non intendevo dire che non hai letto i promessi sposi oppure le confessioni di un mangiatore d'oppio di de quincey!
letteratura in medicina vuol dire le note e gli scritti riportati sulle cartelle cliniche, sulle pubblicazioni scientifiche specialistiche , ma non so se li trovi in rete.
killmayer

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Messaggio da leo » 13 settembre 2008, 4:44

letteratura in medicina vuol dire le note e gli scritti riportati sulle cartelle cliniche, sulle pubblicazioni scientifiche specialistiche , ma non so se li trovi in rete.
Da come l'avevi scrivi pensavo intendessi (L)etteratura. Non le 'note sulle cartelle cliniche'.... sarebbe come se avessi detto 'Chiunque abbia detto (...) oltre a non aver studiato medicina...'....E comunque se non li trovo in rete allora non li ho letti, come quasi nessuno... Cazzo divulgali sti testi...

hmm... l'insonnia è una gran cosa.... Io non fumo perciò non so perc...
Il tuo modo di scrivere è interessante ma volutamente un tantino criptico.. e non risp che sono io che non capisco.... Persevero dicendo
che c'è un dibattito acceso (e in corso) sulla questione, e non penso che tutto si chiuda col tuo ultimo intervento.
Allora, non voglio che la ragazza, che tanto questo 3d non lo legge neanche più, o chiunque altro pensi che sono convinto di aver ragione (non m'importa neanche +d tanto) e se ho capito un minimo come sei fatto non posso permettermi di obiettare uno qualsiasi dei punti che hai descritto perchè con la tua superiore conoscenza (che non metto in dubbio) TU sei convinto di avere ragione.... quindi..

FIne polemica, anche se dal mio punto di vista non lo era...

Cmque meglio non fumare, sono d'accordo. Però almeno facciamo sesso, consapevoli che purtroppo può dare gravi forme di dpendenza (non sono ironico) e soprattutto uccidere
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 22 settembre 2008, 14:22

Mi pento di aver scritto che fumare qualche canna durante il giorno non fa male.
Invece fa malissimo!! A lungo termine causa paranoia (costante, verso qualunque tipo di situazione), assuefazione (farsi 1 canna diventa come fumare una sigaretta), ansia, depressione...e soprattutto dipendenza, fisica e psicologica, ossia se non si fuma tutti i giorni la persona in questione è irritabile, antipatica e insofferente. Purtroppo chi ne fa uso quotidianamente tende a negare e dice che gli serve per tenersi calmi, rilassati ed evitare di farsi le paranoie che altrimenti farebbero parte del suo carattere...invece è proprio la dipendenza che rende agitati quando non si può fumare e che fa avere dei pensieri distorti..!!!...con questo non dico che fumare modifica completamente il carattere di una persona e lo trasforma in un mostro, ma che semplicemente se una persona è chiusa, tendente alla depressione e a fare brutti pensieri fumando quotidianamente questi problemi si ingigantiscono...ne ho esperienza diretta! Non è come una droga pesante però schiavizza allo stesso modo. Esempio: uno che deve fumare tutti i giorni si deve portare dietro per forza almeno 1 o 2 canne, quando esce, e questo lo porta ad evitare certi posti e situazioni. Addirittura ad evitare di prendere un treno quando è l'unico mezzo di locomozione possibile!! :?

Avatar utente
SkyExpress
Messaggi: 80
Iscritto il: 30 gennaio 2008, 15:43
Località: Cagliari

Re: Riflessioni sulla dipendenza

Messaggio da SkyExpress » 23 settembre 2008, 10:11

Gabriella Ventavoli ha scritto:mi limito a ribadire che anche i cannabinoidi, i cui effetti sono: euforia, difficoltà nella guida, sonnolenza, perdita della memoria, possono dare dipendenza.
Potrebbe chiaririmi Dottoressa, da quale fonte ricava che gli effetti da cannabinoidi siano quelli da lei indicati?
La ringrazio in anticipo, saluti.

Rispondi

Torna a “Dipendenze patologiche”