antidepressivi (per la dottoressa)

Il ricorso alle sostanze stupefacenti o la messa in atto di comportamenti capaci di evocare forti sensazioni di eccitazione e di euforia: tentativi di automedicazione che possono avere effetti disastrosi sulla persona, sul suo ambiente e sulla società. Parliamone. Per promuovere riflessione e consapevolezza. Sia nei diretti interessati che nelle persone a loro vicine.
Rispondi
lecturer
Messaggi: 417
Iscritto il: 11 agosto 2007, 1:31

antidepressivi (per la dottoressa)

Messaggio da lecturer » 30 marzo 2008, 22:51

Ho preso Paroxetina per 6 mesi. Un mese e 1/2 fa, circa, mi sono sentita pronta per smettere, mi sentivo a posto, ero molto fiduciosa, ero pronta. Ho ridotto gradualmente la dose, ho avuto degli effetti collaterali bruttissimi: veritigini, brividi, nausea. Ma ho tenuto duro. Sono passata a 3/4, poi 1/2, poi 1/4... ogni volta che riducevo tornavano gli effetti da astinenza per circa una settimana , e poi facevo una settimana tranquilla.... Ora sono arrivata al grande passo: da 1/4 devo passare a 0. Il problema non sono gli effetti fisici, quelli ormai riesco a tollerarli, ma il problemi è che da un paio di settimane ho ricominciato ad avere le mie crisi di pianto, quelle che mi avevano convinta a ricominciare a prenderli. Ma insomma, non è proprio possibile farne a meno e vivere normalmente? Io credevo di avere superato il mio periodaccio, pensavo che gli antidepressivi dovessero essere solo un sostegno momentaneo fino a quando non sarei stata meglio, e ora che stavo meglio volevo smettere, e invece mi ritornano questi attacchi. Ho persino smesso di bere (sì, una birretta ogni tanto, ma non più tutti i giorni come facevo prima). Le cose sul lavoro vanno benone. Sto continuando la terapia psicoanalitica. Il matrimonio è sempre quello che è ma ormai credevo di avere accettato la situazione... Secondo lei devo ricominciare a prenderli oppure questi sbalzi di umore potrebbero essere solo una cosa momentanea in attesa che il mio fisico si abitui a farne a meno?
La ringrazio per la risposta e se per caso qualcuno ci è passato e vuole dire la sua ben venga.

lecturer
Messaggi: 417
Iscritto il: 11 agosto 2007, 1:31

Messaggio da lecturer » 30 marzo 2008, 23:47

Ah, e ho anche ricominciato ad urlare ai miei bambini, e questa cosa mi procura dei bruttissimi sensi di colpa ma quando mi trovo nella situazione in cui mi fanno perdere la pazienza non mi trattengo e urlo, e avevo smesso di farlo da quando prendevo gli antidepressivi.
Mi sa che forse è davvero meglio se ricomincio a prenderli.

Avatar utente
allegra
Messaggi: 1585
Iscritto il: 9 dicembre 2005, 21:11

Messaggio da allegra » 6 aprile 2008, 16:50

cara lectuer mi dispiace che non stai tanto bene, sai anch’io prendo psicofarmaci per non avere le allucinazioni, però ho tanti effetti collaterali come ingrassare, avere sonno durante il giorno.

lecturer
Messaggi: 417
Iscritto il: 11 agosto 2007, 1:31

Messaggio da lecturer » 1 settembre 2008, 17:20

Ho smesso tutto.
Sono pulita.
Non prendo più antidepressivi, ansiolitici, non mi faccio, non bevo. Analgesici solo in casi estremi e mai bevendoci insieme.
Ce l'ho fatta.
Piccolo particolare: sono ingrassata di quasi dieci chili... ma chi se ne frega?

Avatar utente
ricciolina
Messaggi: 873
Iscritto il: 19 luglio 2007, 10:59

Messaggio da ricciolina » 1 settembre 2008, 17:57

complimenti, bella notizia.

anche io ho smesso tutto, non volontariamente,
la gravidanza me l'ha imposto,
ma con mia grande sorpresa non ho sofferto per niente la mancanza di droghe e alcool, neanche le sigarette mi mancano..
forse era proprio quello che mi ci voleva per crescere un po'... un bambino.


per i chili ti capisco.. sono già a + 5 kg e solo alla 15° settimana e ovviamente... fregancaxxo :lol:

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Messaggio da leo » 4 settembre 2008, 0:12

Con un po' di ritardo mi unisco anch'io nel farti tanti tanti auguri.......
ciao Lecturer
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Rispondi

Torna a “Dipendenze patologiche”