2003-5: importante indagine on-line sulle differenze tra mente maschile e femminile

Una tecnica di indagine della personalità: il test di Rorschach.
Teoria, metodo ed ambiti di applicazione del proiettivo più famoso.


Moderatore: Dr. Marco Guadalupi

Rispondi
alfabetagamma
Messaggi: 1
Iscritto il: 19 aprile 2019, 23:35

2003-5: importante indagine on-line sulle differenze tra mente maschile e femminile

Messaggio da alfabetagamma » 19 aprile 2019, 23:47

[Prima di tutto una richiesta ai moderatori: la mia domanda non riguarda il test di Rorschac ma non sono riuscito a creare un "nuovo argomento" nella directory superiore ("Test di piscologia"). Ovviamente non ho nulla in contrario se il "post" viene spostato]

Buongiorno a tutti; negli anni indicati nell'argomento partecipai ad un'indagine on-line volta a raccogliere dati sulle differenze tra mente maschile e femminile. L'idea di "importanza" cui accenno nel titolo, si deduceva dalla elevata qualità tecnica (mi riferisco agli aspetti di progettazione grafica e informatica), dalla cura nella compilazione delle domande e nella produzione delle risposte (queste ultime, come spiegherò tra poco, sono alla base del mio attuale tentativo di ricostruire i dati fondamentali dell'esperienza), ed anche dalla pubblicità ad essa riservata: io ne fui informato da una notizia ben evidenziata sulla pagina di "Repubblica".

L'argomento è tutt'altro che nuovo e i tests pertinenti abbondano: è anche per questo che tutti i miei tentativi di ricerca diretta sono falliti; chiederei dunque l'aiuto dei partecipanti al forum, sperando che qualcuno - magari per avere fatto la stessa esperienza avendo cura di annotarsi i dati - possa aiutarmi.

Riguardo alla data, estendo per sicurezza l'intervallo al 2002-2006 ma ritengo molto probabile avere partecipato nel settembre 2005; lo studio era organizzato da una università americana. L'accesso al test prevedeva sicuramente la dichiarazione del proprio sesso; dopo ogni prova si veniva informati del proprio "punteggio", accostato a quelli medi ottenuti fino a quel momento dai due sessi (forse con qualche ulteriore dato statistico: non ricordo). Quando mi cimentai il numero dei partecipanti era già molto elevato (mi sembra oltre il milione) anche se non ho ricordi precisi al riguardo.

Spiego ora cosa mi premerebbe ricostruire. Una delle prove consisteva nel trovare la corretta descrizione - tra 4 o 5 proposte - dell'espressione di un viso; la difficoltà (oltre a quella implicata dalla lingua straniera, cosa che mi costrinse - pur avendo una discreta conoscenza dell'inglese scritto - a recuperare rapidamente un vocabolario cartaceo) era costituita dalla ridottissima porzione di viso mostrato: un occhio con il suo bravo sopracciglio e pochi centimetri del volto sottostante. Eseguii la prova con particolare interesse e attenzione; al termine, invece della solita finestra con l'accostamento tra i risultati miei e quelli generali, ne comparve una più grande e appariscente che mi informava che io ero tra gli "N" partecipanti che avevano identificato correttamente tutte le espressioni. "N" era un numero ragionevolmente piccolo - minore di 20, mi sembra, comunque trascurabile rispetto al totale del partecipanti.

Mi chiedo se, ipotizzando che i dati "grezzi" siano stati conservati, sia concepibile immaginare di poter avere una conferma riguardo all'origine di un risultato anomalo proprio dalla mia città: sarebbe in qualche misura una certificazione del fatto.

Domando infine se a qualcuno risulti che la prova descritta faccia parte di test comunque somministrabili e, se sì, dove e a che costo.

Grazie in anticipo, Antonio

Rispondi

Torna a “Il test di Rorschach”