aiuto!

I Disturbi del Comportamento Alimentare si ripercuotono sulla qualità della vita nella sfera sessuale, familiare, sociale, professionale: molte facce di un'unica medaglia. Partiamo dal presupposto che la sofferenza non si misura in Kg. E che essere capiti e aiutati è possibile.
Vogliamo provare a parlarne insieme?


Moderatore: Dott.ssa Michela Guariniello

Rispondi
karin87
Messaggi: 9
Iscritto il: 2 agosto 2009, 23:46

aiuto!

Messaggio da karin87 » 2 agosto 2009, 23:50

ciao a tutti
sono una studentessa di 21 anni. Da circa 6 anni soffro di bed, non ne ho mai parlato con nessuno, men che meno in famiglia perchè penso che la causa dei miei disturbi provenga proprio da questo ambiente.
Spero che qualcuno di voi abbia dei consigli su come affrontare il problema...è diventato molto stancante perchè ogni giorno penso sia finita, invece ci ricado. Non so proprio cosa fare..
grazie :)

Michela Guariniello
Messaggi: 161
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:08
Località: campania

Messaggio da Michela Guariniello » 3 agosto 2009, 10:24

Cara Karin,
mi dispiace tanto tu stia soffrendo tanto da 6 anni, ed ancor di più mi dispiace che tu stia soffrendo da SOLA senza il coinvolgimento di nessuno.
In genere il nucleo familiare è quasi sempre coinvolto nella patogenesi della maggiorparte dei disturbi psicologici, quando si tratta poi di disturbi psichici che si esprimono attraverso il cibo questa correlazione appare ancora più marcata. Voglio dire che molto spesso i sintomi alimentari sono l'espressione di un disagio che riguarda tutto il nucleo familare anche se poi si esprime attraverso un solo membro, quindi tranquilla è quasi "normale" che l'origine tu la riconduca al tuo ambiente familiare!

6 anni di sofferenza.
6 anni condizionata anzi governata da cibo, corpo, sensazione di fallimento, dolore, sporco.
6 anni chiusa/rifugiata nel tuo guscio, magari attorniata da persone ma con la sensazione di vuoto e solitudine che ti lacera dentro e che ti fa cercare un modo momentaneo, un anestetico momentaneo per riempirlo quel vuoto.
Insomma 6 anni di non vita : ci credo che sei stanca, ma è proprio quando si è stanchi di una situazione il momento giusto per agire.
Karin meriti anche tu di essere felice .
Ti sembrerà banale ma credo che il primo passo sia chiedere aiuto ad uno psicologo, non se ne esce da soli purtroppo ed il fatto che tra cadute, ricadute e rialzate siano passati già 6 anni lo dimostra, non credi?
Hai mai pensato di rivolgerti ad un esperto?
Il mio primo consiglio è questo, fammi sapere cosa ne pensi.

Un abbraccio forte forte e NON MOLLARE
Dott.ssa Michela Guariniello
Psicologa/Specializzanda in psicoterapia sistemico relazionale
Specializzata in clinica psicoanalitica dell'anoressia,bulimia,obesità presso l'A.B.A.
www.psicologicampania.it

karin87
Messaggi: 9
Iscritto il: 2 agosto 2009, 23:46

grazie

Messaggio da karin87 » 3 agosto 2009, 10:49

grazie mille per le parole incoraggianti,
sicuramente prenderò in considerazione la possibilità di rivolgermi ad un esperto. Mi ci vorrà del tempo però per riuscire a tirar fuori tutto perchè aver tenuto dentro tutto per molto tempo rende le cose molto difficili, ma so che lo farò. Devo!è comunque confortante che ci siano tante altre persone che come me stanno cercando di uscirne.
Grazie ancora! :D

sandrina85
Messaggi: 54
Iscritto il: 5 giugno 2009, 8:55
Località: avellino

Messaggio da sandrina85 » 3 agosto 2009, 12:33

qui ti capiamo karina e ce la dottoressa ke ci aiuta sempre.baci

Michela Guariniello
Messaggi: 161
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:08
Località: campania

Re: grazie

Messaggio da Michela Guariniello » 5 agosto 2009, 22:40

karin87 ha scritto:grazie mille per le parole incoraggianti,
sicuramente prenderò in considerazione la possibilità di rivolgermi ad un esperto. Mi ci vorrà del tempo però per riuscire a tirar fuori tutto perchè aver tenuto dentro tutto per molto tempo rende le cose molto difficili, ma so che lo farò. Devo!è comunque confortante che ci siano tante altre persone che come me stanno cercando di uscirne.
Grazie ancora! :D
Cara Karin,
non occorre tu dica tutto subito nè che ti apra subito, l'importante è non restare immobili ma AGIRE, ed il chiedere aiuto è il primo passo avvincente ed inevitabile.
Un abbraccio
Dott.ssa Michela Guariniello
Psicologa/Specializzanda in psicoterapia sistemico relazionale
Specializzata in clinica psicoanalitica dell'anoressia,bulimia,obesità presso l'A.B.A.
www.psicologicampania.it

karin87
Messaggi: 9
Iscritto il: 2 agosto 2009, 23:46

Messaggio da karin87 » 12 agosto 2009, 11:06

avete ragione :-( Però è così difficile parlare, non riesco proprio...non so con chi farlo e non ho ancora il coraggio di rivolgermi a degli esperti...vorrei chiedere l'aiuto delle amiche, ma è difficile...continuo a ricaderci! :cry: Non so come cominciare...finisco sempre per tenermi tutto dentro e poi sto male il doppio!

Michela Guariniello
Messaggi: 161
Iscritto il: 3 giugno 2009, 23:08
Località: campania

Messaggio da Michela Guariniello » 13 agosto 2009, 14:45

Cara Karin,
le risposte te le sei data da sola.
Le amiche, la fmiglia possono starti vicino con il loro affetto ma non possono aiutarti a "guarire", non possono districare i nodi insoluti che tiporti dentro da una vita, è qui che entra in gioco la necessità di rivolgerti ad uno psicologo/psicoterapeuta il prima possibile, anche se non mi piace il termie DOVERE, DEVI farlo, devi chiedere aiuto, è il primo passo credimi.
Mi raccomando rifletti.

IO CI SONO, se mi dici di dovesei ti posto gli indirizzi dei centri specializzati presenti nella tua regione.
Un forte abbraccio
Dott.ssa Michela Guariniello
Psicologa/Specializzanda in psicoterapia sistemico relazionale
Specializzata in clinica psicoanalitica dell'anoressia,bulimia,obesità presso l'A.B.A.
www.psicologicampania.it

Rispondi

Torna a “Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, binge eating, obesità...): si può, anzi si deve guarire”