aiuto...non ce la faccio proprio più....

I Disturbi del Comportamento Alimentare si ripercuotono sulla qualità della vita nella sfera sessuale, familiare, sociale, professionale: molte facce di un'unica medaglia. Partiamo dal presupposto che la sofferenza non si misura in Kg. E che essere capiti e aiutati è possibile.
Vogliamo provare a parlarne insieme?


Moderatore: Dott.ssa Michela Guariniello

Rispondi
Luna25
Messaggi: 1
Iscritto il: 6 ottobre 2010, 1:26

aiuto...non ce la faccio proprio più....

Messaggio da Luna25 » 6 ottobre 2010, 15:02

Aiuto....non ce la faccio più.........sto troppo male.......non faccio altro che piangere sono a pezzi ho bisogno di aiuto........sono alcuni giorni che non faccio altro che abbuffarmi di cibo,sopratutto di dolci e schifezze varie..mi ingozzo fino a stare male,fino a che non mi scoppia la pancia e non riesco più ad ingoiare niente da tanto che sono stra-piena. il brutto è che mentre mi strafogo,sto malissimo..sono afflitta da sensi di colpa bestiali..so che sto sbagliando che non devo,ma nello stesso tempo non riesco a fermarmi,non ho più il controllo non so...ma perchè mi succede questo? sto troppo male...non voglio più stare cosi...negli ultimi mesi ho seguito un alimentazione ipocalorica e ho praticato un po di attività fisica a casa,sono riuscita a perdere quei 5 - 6 kg di sovrappeso che avevo,stavo bene,mi piacevo tantissimo,ero in forma splendida...adesso invece ho rovinato tutto...tutto il sacrificio di mesi buttato al vento in pochi giorni...e poi perchè? perchè se stavo bene e mi sentivo in forma ci sono ricascata? perchè rovinarmi cosi? non lo so..non lo so proprio...non riesco a capire...so solo che sto male..e che non voglio più soffrire cosi..non voglio più ingrassare...sono terrorizzata dall'idea di ingrassare,anche se so che è inevitabile continuando cosi...avrò gia ripreso come minimo 2 kg in pochi giorni,non mi voglio pesare,preferisco evitare perchè sarebbe peggio,ma tanto lo vedo già a occhio...ma come faccio? cosa devo fare? mi sento male...vorrei tanto che qualcuno potesse aiutami ad uscirne fuori,ma come? e sopratutto chi? non parlo mai con nessuno di questo problema,me ne vergogno profondamente...ho provato ad accennare qualcosa a mia madre ma sembra che a lei non interessi niente...forse non capisce...forse perchè non ho mai affrontato l'argomento seriamente..non posso,non riesco proprio a parlarne,me ne vergogno,mi vergogno che le persone sappiano che ho questo tipo di problema...vorrei specificare che io non ho mai tentato di autoindurmi al vomito,ne ho mai preso lassativi,diuretici,robe del genere...anche se quando sto male male che ho dolori fortissimi allo stomaco,spesso vorrei tanto poter vomitare,ma spontaneamente,per poter stare meglio,ma nonostante tutto,questa cosa mi fa molta paura..non voglio assolutamente ammalarmi,anche se sono consapevole che già quello che ho,non è un atteggiamento normale. Cosa posso fare? non ne posso proprio più...non sono mai stata cosi male come adesso....ho avuto già episodi del genere in passato,ma non ci sono mai stata cosi male,sono arrivata proprio al limite...non faccio altro che piangere perchè non so come fare per uscirne...sento che non ce la farò mai...sono 3 notti che non dormo dal mal di stomaco che ho...vi prego qualcuno mi aiuti....voglio tornare a vivere....

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 7 ottobre 2010, 15:01

Luna, il tuo corpo non è la causa del tuo stare male, del tuo soffrire, ne è l'espressione.
Forse pensavi che perdendo quei 5 o 6 chili avresti trovato la serentità che stavi cercando e magari, inconsciamente, ti sei resa conto che non è così. Inconsapevolmente ti stai quindi "punendo" per non essere quello che pensi di dover essere.
Un'altro meccanismo che forse puoi verificare in te stessa è quello di sentirsi fallita solo perché hai ripreso almeno due chili, e quindi ormai non c'è più niente da fare, quando invece niente è fallito, e soprattutto tu NON sei i chili che hai ripreso.
Ma queste sono solo ipotesi forse anche troppo semplicistiche :). Molti possono essere i motivi che possono spingere a punire il proprio corpo, a sentire fisicamente il dolore per dimenticare, anche solo per poco, l'insopportabile dolore dell'anima.
La cosa importante non è quanto pesi, se sei ingrassata o dimagrita, e nemmeno quanto mangi. La cosa importante, per me, è trovare le risposte alle tue domande "perchè? perchè se stavo bene e mi sentivo in forma ci sono ricascata? perchè rovinarmi cosi?.
Non giudicare il tuo comportamento. Non considerarti sbagliata o fallita, cerca invece di perdonarti e di comprendere che quello che fai nasce da una spinta interiore oggi inarrestabile, me che puoi pensare di fermare solo se ne affronti l'origine.
Non ti devi vergognare, la vergogna e la paura sono solo il primo ostacolo da superare lungo la strada verso un modo diverso di rapportarsi col cibo.
Prova ad andare a parlare con qualcuno specializzato in disturbi dell'alimentazione (non un semplice dietologo o un nutrizionista), parlane con il tuo medico di famiglia, non è tenuto a parlarne con i tuoi genitori, anzi.

Un abbraccio.

P.S. ti ho lasciato un PM.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, binge eating, obesità...): si può, anzi si deve guarire”