Binge eating e perdita della speranza

I Disturbi del Comportamento Alimentare si ripercuotono sulla qualità della vita nella sfera sessuale, familiare, sociale, professionale: molte facce di un'unica medaglia. Partiamo dal presupposto che la sofferenza non si misura in Kg. E che essere capiti e aiutati è possibile.
Vogliamo provare a parlarne insieme?


Moderatore: Dott.ssa Michela Guariniello

Rispondi
Bettie P
Messaggi: 4
Iscritto il: 11 luglio 2011, 22:09

Binge eating e perdita della speranza

Messaggio da Bettie P » 17 luglio 2011, 11:27

Grassottella da sempre, poi grassa, poi obesa di primo grado.
Da marzo a dieta, ho buttato giù dei chili. Sono stata ligia, mi sono controllata, sono andata in palestra. Da un po'ho smesso di essere tanto ligia, ho smesso l'attività fisica e c'è stata qualche abbuffata compulsiva. Le scuse sono sempre le stesse, gli esami, il nervoso e chissà quanto altro potrei scrivere.
Il mio primo psicologo, due anni fa, mi disse che soffrivo di binge eating disorder. Io di natura, credo di essere un po' refrattaria alla terapia, quindi diciamo che con molta poca eleganza gli dissi che era un imbecille e che non aveva capito nulla di me, che ero solo una grassa pigra che mangia per stress, e non esisteva nessun tipo di disturbo alimentare.
Poi sapete com'è, uno torna a casa e legge su internet qualche articolo su questo disturbo ( che per me prima non esisteva...c'erano solo anoressia e bulimia) e ricordo solo che non riuscivo a smettere di piangere. Qualcuno aveva scritto su di me, qualcuno sapeva che compro il cibo di nascosto e lo mangio veloce, prima che mia sorella torni a casa vado a buttare la spazzatura con i resti del misfatto. Poi c'è solo male alla pancia, gonfiore, schifo. E soddisfazione. Mi sento esistere. Sento di non aver bisogno d'altro.

Il mio nuovo dottore, psichiatra, ha un approccio molto diverso dal primo. Non mi ha mai detto tu hai questo o quello e anzi, del problema alimentare sembra non curarsene affatto.

Io sono disperata. Non ci credo più a questo schifo di guarigione che mi sono profilata per tanto tempo. Sapete cosa voglio? Voglio ingozzarmi e vomitare, voglio imparare a vomitare, purtroppo non ci riesco.
Voglio continuare così e voglio dimagrire. Voglio solo questo.
BettieP

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Re: Binge eating e perdita della speranza

Messaggio da Sergio67 » 18 luglio 2011, 15:41

Lo so,
lo so benissimo come ti senti.
Voglio semplicemente smettere. Smettere di sentire i miei pensieri, smettere di sentire questo vuoto, smettere di esistere, annullarmi, dimenticare, magari anche sparire... potrei andare avanti, la lista è lunga e non sai quente volte me la sono ripetuta, e ancora capita di ripetermela.

"Sento di non aver bisogno d'altro" è questo quello che dici, è questo quello che sembra, solo che lo sai anche tu che non è così. Lo sai anche tu che non dura.

Il tuo nuovo dottore, già dal poco che mi dici mi piace :). Non serve a niente etichettare il disturbo, quello che conta è la sofferenza. E se ti sembra che non si stia occupando del tuo problema alimentare, beh, ti sbagli. Il comportamento alimentare non è una causa ma un effetto, le cui radici affondano dentro di noi. E come per una pianta, non serve a niente curare le foglie, bisogna andare alle radici.

Nella mia esperienza non puoi pensare di riuscire a risolvere solo lavorando sul peso, e non puoi riuscire a risolvere in un giorno. Ci vuole tempo, pazienza, impegno. E si soffre, ma è una sofferenza diversa, molto diversa dal gonfiore alla pancia, dalla vergogna. E' una sofferenza liberatoria.

Abbi fiducia, tieni duro per qualche mese. Abbi coraggio, osa affrontare te stessa, quella che tu chiami "guarigione" è possibile. magari diversa da quello che pensi, ma certamente possibile.

Un abbraccio.

P.S. Se hai voglia di incontare "virtualmente" altre persone che condividono le tue difficoltà ti rimando al gruppo "Sbilànciati!" sul quale puoi trovare maggiori informazioni su http://www.psicologi-psicoterapeuti.it/ ... 89&t=14510
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, binge eating, obesità...): si può, anzi si deve guarire”