vi consiglio un libricino

I Disturbi del Comportamento Alimentare si ripercuotono sulla qualità della vita nella sfera sessuale, familiare, sociale, professionale: molte facce di un'unica medaglia. Partiamo dal presupposto che la sofferenza non si misura in Kg. E che essere capiti e aiutati è possibile.
Vogliamo provare a parlarne insieme?


Moderatore: Dott.ssa Michela Guariniello

Rispondi
joiel
Messaggi: 1
Iscritto il: 26 agosto 2013, 15:19

vi consiglio un libricino

Messaggio da joiel » 26 agosto 2013, 15:40

ciao a tutte!

mi preme consigliare la lettura di un bel libro, che io sto trovando davvero significativo
in primis comunque consiglio di leggere molto, perchè apre la mente..e quando si è informati giustamente si è anche più liberi, di pensare, di farsi una propria opinione riguardo tantissime cose

il libro che voglio consigliare è : "Le prigioni del cibo" di Nardone, Verbitz e Milanese

Riporto una piccolo sunto...
"Nel panorama molto variegato di teorie sui comportamenti anomali legati al cibo, l'approccio terapeutico strategico-costruttivista proposto da Giorgio Nardone si è dimostrato il più concreto.
Esso parte dal dato di fatto che i disturbi delle persone affette da anoressia, bulimia o vomiting sono il risultato di un processo di retroazione tra soggetto e realtà, in cui sono proprio gli sforzi che l'individuo compie in direzione del cambiamento a mantenere immutata la situazione problematica.
Lo scopo della terapia in tempi brevi è invece quello di cercare di capire «come funziona» il problema, e non «perché esiste». Ciò permette di trasformare il processo di soluzione da una procedura lenta e graduale a interventi rapidi ed efficaci."

Tratta di anoressia, binge, bulimia... e sono riportati anche dei casi clinici e i relativi colloqui psicologici

MaryNeedsHelp
Messaggi: 85
Iscritto il: 13 ottobre 2012, 20:50

Re: vi consiglio un libricino

Messaggio da MaryNeedsHelp » 19 settembre 2013, 10:06

Riguarda in pratica la terapia breve strategica applicata ai disturbi alimentari giusto? Io credo sia la migliore soluzione, la maggior parte dei terapeuti cercano di andare alla radice del problema, come è nato e perché, scavando nel passato. Ma mi chiedo se questo sia veramente utile!!! Sono andata per la prima volta ad un centro DCA pochi giorni fa, sto per iniziare un percorso di guarigione. La prima cosa che la psicologa mi ha detto infatti è stata che dobbiamo prima di tutto andare a ricercare le cause del problema, come è nato, e questo mi ha lasciata un po' perplessa. Ciò di cui ho bisogno non è rivivere i brutti momenti, i dolori che mi hanno portata qui, ho bisogno di essere rieducata!!! Ho bisogno di qualcuno che mi fornisca strategie e mezzi per cambiare i miei schemi mentali perché il passato non lo posso cambiare e la consapevolezza credo di averla già raggiunta. Credo che non importa come sia nato, importa cosa mantiene il problema ancora avvinghiato alla nostra mente, cosa porta a mantenere questi comportamenti nonostante ci causino malessere. La cosa realmente utile, a mio parere, sia trattare il problema e analizzarlo per come è ora, chiarire i meccanismi che lo controllano e agire sul presente. Mi trovo perfettamente d'accordo con l'autore!!!

Avatar utente
Enri
Messaggi: 6
Iscritto il: 13 ottobre 2013, 10:28

Re: vi consiglio un libricino

Messaggio da Enri » 13 ottobre 2013, 20:57

L' ho letto, è bello!
Mi piacciono i suoi libri e credo che la terapia breve strategica sia la migliore!
Sono una paziente di una delle collebolatrici di Nardone e mi ci sono trovata benissimo!

Rispondi

Torna a “Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, binge eating, obesità...): si può, anzi si deve guarire”