L'amore mi ha uccisa davvero o forse sono stata io.

Hai mai pensato a quanti problemi sia legato l'affetto tra le persone? In fondo, tutte le altre emozioni nascono dalla frustrazione e/o dalla ricerca di amore e di essere amati, rassicurati sempre rispetto alle conferme affettive.
Ma è proprio dai genitori e da chi ci sta più vicino, (o meglio che ti aspetti ti stia più vicino) come i fratelli e le sorelle che spesso riceviamo le prime delusioni e continuiamo a soffrire anche da adulti, anche quando ci rendiamo conto che è un gioco senza fine. E' veramente difficile resistere alla tentazione di credere che un giorno per noi qualcuno cambierà e ci dimostrerà di essere come noi abbiamo sempre sperato.
Qual è la tua esperienza?


Moderatore: Dr.ssa Daniela Benedetto

Rispondi
minascondodame
Messaggi: 4
Iscritto il: 13 febbraio 2013, 6:47

L'amore mi ha uccisa davvero o forse sono stata io.

Messaggio da minascondodame » 15 febbraio 2013, 4:58

Salve,
Non so più come fare e come uscirne e allora provo a scrivere qui quello che forse a parole non ho mai detto a nessuno.
Mi dispiace se non vi dirò il mio nome solo perchè non voglio si venga a sapere che sto scrivendo tutto qua, Allora io mi chiamo G. e ho 22 anni....
Diciamo che la mia vita non è stata mai molto rosea... Sono cresciuta senza padre, mia mamma era una ragazza madre poi papà è spuntato fuori ci ha riconosciuti che io avevo 13 anni e compagnia bella... Ho sempre sofferto di questo tutte le mie amiche avevano un papà e io no mi sentivo diversa, alle volte lo immaginavo. pensavo a come sarebbe stata la mia vita se fossi stata "normale" nella mia sfortuna però non mi è mai mancato niente, ho avuto tutto e non ho mai desiderato nulla, abitavamo con la nonna.
Purtroppo nel 2008 mio fratello viene arrestato e noi che di questa vita e questo mondo non sapevamo nulla ci siamo trovate ad affrontare colloqui ed avvocati e da li è partito diciamo il mio calvario.
Ero fidanzata con un ragazzo e i suoi genitori appena seppero che mio fratello stava in carcere lo costrinsero a lasciarmi cacciandolo di casa e loro non conoscevano ne me e ne mia mamma.
Da quel giorno dicevo alle persone solo dopo averle conosciute bene dov'era mio fratello.
Mio fratello fortunatamente è uscito e ora lavora per bene e sta bene.
Mi sono fidanzata a 19 anni, con un uomo straordinario, bellissimo, il ragazzo ideale. Insieme siamo stati a ballare, tutte le sere assieme lui era sempre con me fu un'estate indimenticabile veramente, ho conosciuto il sapore dell'amore a 360 gradi.
Mi sembrava una favola, per me che avevo 19 anni e non conoscevo la vita, ero la persona + ingenua del mondo.
Lui ne aveva 25 e un matrimonio finito da un anno e durato 7 con due figli, all'epoca mi pare uno 7 e l'altra 3
stavamo benissimo veramente, tranne quando dopo pochi mesi io vengo a sapere che lui vedeva altre e lo lascio, facciamo pace dopo 7 giorni e tutto a posto, una storia stupenda... Solo mia madre siccome lui era in attesa del divorzio... non voleva stessimo insieme e mi massacrava diceva che io ero l'amante di un uomo sposato ma questo non è mai stato vero perchè lui non viveva già + con la moglie quando l'ho conosciuto.
mi offendeva, mi faceva stare male... oltre questo le cose tra me e lui andavano poco bene ad un certo punto diceva che non era + sicuro del nostro amore, ma poi continuava a voler stare con me e a vivere di me, sempre insieme a me.
Io pensai che era forse la paura di soffrire di nuovo che gli faceva dire queste cose perchè non si sentiva sicuro.
Comunque sia dopo un anno ci lasciamo e definitivamente. Mia madre oramai lo aveva accettato e gli voleva bene come un figlio...
Non ci sentiamo e ne vediamo per un mese, poi ricomincia a chiamarmi a chiedermi di vederci e cominciamo a uscire di nuovo insieme...
Una sera comunque scopriamo che sono incinta... LUi mi dice che mi sarebbe stato vicino che non mi avrebbe abbandonata... ed ero già ad 11 settimane.
Io non ce l'ho fatta ad abortire, io proprio non me la sono sentita.
Insomma lui parla coi miei genitori e dice di voler fare pace con me e di volere col tempo anche convivere con me. I primi mesi della gravidanza una vera favola... Poi a partire dal 7 mese liti continue e violente, lui che si sentiva con le altre, che cominciava a non venire + a casa da me... mi trattava male.
Una sera litighiamo tantissimo che mi sentii male... Perchè non voleva + venire a cena da me, non voleva mai passare un pò di tempo con me.
Io vengo ricoverata in precedenza all'ospedale per minaccia di parto pre termine a 28 settimane, lui tutti i giorni veniva era perfetto... Poi lui lavorando cadde e si fece male e io andavo a trovarlo in ospedale col pancione anche se dovevo stare a riposo...
Poi un giorno dopo tutte queste liti lui mi chiede scusa e mi dice di amarmi, di voler me e la bambina e che era stato solo un suo periodo brutto...
il giorno dopo vado su facebook e vedo che lui stava con un'altra persona, chiamo lui e me lo conferma e mi dice di non voler avere niente a che fare ne con me ne con la bambina. Sono stata malissimo ho pianto per 4 giorni e 4 notti di seguito.
Da quel giorno... non ho pianto mai +... Mi sforzavo di essere forte per mia figlia e per mia mamma... ma non avevo + senso di vivere mi sentivo come se il mondo mi era crollato addosso... sola... con tutti i sogni in frantumi... E vedere tutte le foto che faceva con lei, la loro felicità...
non uscivo + stavo sempre a letto a dormire.
è nata la piccola lui non è nemmeno venuto a vederla... quel giorno ero molto triste io non speravo questo per mia figlia.
Quando la bambina aveva 4 mesi lui comincia a chiamarmi dicendomi di volerla vedere ed io siccome non volevo che mia figlia soffrisse come me da piccola gliel'ho permesso... Lui veniva una volta a settimana, poi mi chiese di vederci soli io e lui... ci siamo visti un pomeriggio con la scusa che ero in palestra e ci siamo baciati... Mi mandava degli sms e diceva mi sei mancata non ti voglio perdere mai + ecc... ci siamo visti una sera e abbiamo fatto l'amore e così anche la settimana dopo la stessa cosa.
Ma lui mi disse quando io gli chiesi di tornare insieme, che avevamo una famiglia... Che lui non mi voleva + e che lui lasciando me aveva fatto un salto di qualità perchè lei aveva i soldi.
Io sno stata malissima per un anno... non ho mai saputo piangere... ma avrei voluto, mi sono sentita emarginata, sola, incapace e certe volte ho mancato anche con mia figlia... io amo mia figlia è la luce dei miei occhi ma sto troppo male io mi sento morire... sono quasi due anni che lui ha smesso di venire dalla bambina nonostante avevamo mantenuto un accordo che lui sarebbe venuto solo per lei e ci comportavamo da persone civili.
senza motivo non è + venuto.... Intanto la mia nonnina è morta... e il mio papà come sempre da quandop lo ricordo è sparito di nuovo senza motivo dicendomi di non chiamarlo mai +.
Da quando sono mamma io sono felice, sono felice anche perchè mi sono diplomata ed era il mio sogno visto che a causa della minaccia d'aborto lasciai l'ultimo anno di scuola, ma mi sento così spenta, io non vivo +... la notte non dormo mai perchè mi metto a pensare... sono sempre nervosa, spenta e molte volte anche verso mia figlia sono svogliata.,.. io la amo tantissimo l'amore per un figlio non si può quantificare e per questo io mi sento una mamma cattiva, sono una meschina egoista... ho procurato a mia figlia il mio stesso male e non so nemmeno essere una buona madre... Per carità mia figlia sta bene mai picchiata e mai lo farò ed è sempre pulita e sistemata... ma non mi va di giocare con lei, non mi va di ascoltarla anche se lo faccio. Mia madre dice che io do a lei le mie colpe ma vi giuro non è vero... E'che non ce la faccio.. io non vorrei vivere...
Ho perso le mie amicizie non potendo uscire con loro... non esco quasi mai... Ho continue liti con mia mamma perchè mi offende e mi rinfaccia il fatto di aver fatto una figlia con lui... Non riesco a trovare lavoro anche se mi impegno e ogni giorno vado a cercare qualsiasi cosa... Ho parlato con mia mamma dello psicologo ma mi dice che sono pazza per questo ci voglio andare e che sono una depressa.
La mia vita è finita da quel giorno in cui lui se ne andato perchè insieme a lui sono cominciati i guai.
Da quando la nonna è morta la situazione economica non è delle migliori e allora mia madre mi assilla... mi rinfaccia il fatto che non lavoro... invece certi giorni è un angelo... forse anche lei ha perso la mamma e si sente sola.
amano mia figlia tutti e a lei non manca nulla... cresce serena e sta bene.
Ma a me oramai non ci pensa + nessuno, nessuno mi chiede come sto, nessuno mi ha mai chiesto cosa pensavo, cosa soffrivo... tutti a dirmi di essere forte di andare avanti ma mai nessunop che si fosse fermato ad ascoltare il mio dolore, la mia disperazione, i miei pensieri, tutti si aspettavano che io fossi forte ed io lo sono stata almeno esteriormente. Ma dentro di me io sento che non ce la faccio + che essere forte per gli altri mi sta uccidendo.... io vorrei piangere ma non ci riesco... La mia non è una vita, io sono sola vorrei tanto essere normale come tutte le ragazze della mia età....
Inoltre il fatto che non ho un lavoro mi fa sentire inutile incapace di provvedere anche alla bambina...
Mia figlia mi ama e a volte io penso che tutto questo amore io non me lo merito... non merito le sue coccole e nopn merito i suoi sorrisi... Io non merito niente.
Sono stanca di vivere e mia figlia non dovrebbe avere una mamma come me... La cosa peggiore è che io queste cose le penso ma non le mostro, tutti pensano guardandomi che sto benissimo e sono felice.
Io sono morta dentro... la mia vita non ha piu un senso... Forse sono davvero solo un'egoista stupida e depressa... Ma vedo le mie amiche che hanno pietà di me... Io vorrei solo essere normale e non riesco a capire perchè proprio io che non ho mai fatto male manco a una mosca sto subendo da tutta la vita tutti i mali peggiori.,.. mio padre mi ha riabbandonata senza motivo... il mio ex anche... forse sono io a essere sbagliata? Ogni tanto ci penso ancora a come sarebbe stato se ci fossimo sposati... E quando vedo la gente, come ultimamente mie due amiche sposarsi... sono gelosa, ci sto male e mi viene da piangere.. Anche con mia cugina, la sua casa bellissima tutta arredata... e io avrei voluto tutto questo.. perchè a me no? Perchè la mia vita deve andare così ed io devo stare così male??? Inoltre in gravidanza ho messo 26 kg e ne ho ancora 12 non sono grassa ma mi sento talmente schifosa... Io vorrei solo uscirne... davvero e godermi quello che ho poter dire finalmente, si sono felice... Vedo le mie amiche che si lamentano di cose stupide mentre io vorrei solo gridare cosa sento io dentro di me... al posto di consolarle e di ascoltarle.

Rispondi

Torna a “Quando l'amore ti uccide”