Vivo per lui, ma non basta

Hai mai pensato a quanti problemi sia legato l'affetto tra le persone? In fondo, tutte le altre emozioni nascono dalla frustrazione e/o dalla ricerca di amore e di essere amati, rassicurati sempre rispetto alle conferme affettive.
Ma è proprio dai genitori e da chi ci sta più vicino, (o meglio che ti aspetti ti stia più vicino) come i fratelli e le sorelle che spesso riceviamo le prime delusioni e continuiamo a soffrire anche da adulti, anche quando ci rendiamo conto che è un gioco senza fine. E' veramente difficile resistere alla tentazione di credere che un giorno per noi qualcuno cambierà e ci dimostrerà di essere come noi abbiamo sempre sperato.
Qual è la tua esperienza?


Moderatore: Dr.ssa Daniela Benedetto

Rispondi
Sarapu
Messaggi: 1
Iscritto il: 7 luglio 2013, 22:27

Vivo per lui, ma non basta

Messaggio da Sarapu » 7 luglio 2013, 22:46

Salve a tutti!
Ho deciso di scrivere qui perchè, magari, avere un parere da chi non mi conosce potrebbe aiutarmi a valutare con più lucidità.
Ho 29 anni e da un anno sto con un uomo di 45 anni. Separato da quasi due anni e con un bambino. La nostra storia è iniziata alla grande: intesa perfetta, grande sintonia, stessi interessi, due lavori che ci portano spesso a trattare gli stessi argomenti (io giornalista, lui sindacalista), tanta passione, dolcezza, divertimento e tanta voglia di viverci. Un rapporto solido, insomma, capace anche di affrontare i tanti isterismi della ex moglie e le tante tante sofferenze che mi hanno provocato.
Poi non so cosa sia successo.... Sono un paio di mesi che lo vedo spento, stanco, che dice di essere confuso. Quando stiamo insieme mi fa sentire una principessa, quando vado via anche solo per un giorno il suo umore cambia.
Da una settimana, poi, ho scoperto che ha iniziato a fare lo scemo via chat con un'altra donna. Una barista dove va tutte le mattine. Mi tradisce? Può essere o comunque lo farà...
e qui che non riesco a capirmi! quando ci siamo messi insieme io ero testarda, forte, sicura di me. Ora mi ritrovo fragile, debole e succube di lui. Non riesco a pensare di lasciarlo e anche di fronte ad alcune bugie che ho scoperto, di cui gli ho parlato, e per le quali mi ha dato conferma, ho perdonato.
Tutto questo però mi fa star male, mi rende triste e mi sento delusa e svuotata.
Oggi, per la prima volta nella mia vita mi sono trovata a pensare che senza di lui non vorrei vivere.... Ho sentito questa frase tante volte da tante amiche lasciate dal fidanzato di turno: "Senza di lui non vivo", non gli ho mai dato peso. Eppure, oggi, ho seriamente pensato a questo guardando la finestra della mia camera.
Grazie per aver letto...

Rispondi

Torna a “Quando l'amore ti uccide”