il coraggio di cambiare

Spesso ci troviamo di fronte a situazioni più grandi di noi, con stati d'animo particolari che non riconosciamo. A volte "sentiamo" che qualcosa non va, che dovremmo scegliere qualcosa, qualcosa di diverso, prendere una strada mai percorsa prima e che non conosciamo, non sappiamo neanche se esiste. Altre volte invece sentiamo un malessere preciso che ci crea grande disagio; che fare, come orientarsi, come spiegare cosa ci succede e a chi?
Questo spazio ti dà l'opportunità di condividere con noi le tue domande e soprattutto ricevere quelle risposte che possano esserti utili a prendere poi le decisioni più adeguate per te ad esempio scegliere o meno di fare un percorso psicoterapeutico e come orientarti in tal senso.


Moderatore: Dr.ssa Daniela Benedetto

Rispondi
rituccia
Messaggi: 6
Iscritto il: 23 febbraio 2010, 11:48

il coraggio di cambiare

Messaggio da rituccia » 23 febbraio 2010, 15:47

salve mi chiamo rita e ho 24 anni.è da circa un mese che sto attraversando un periodo difficile mi sento spesso ansiosa e piango spesso.credo che il motivo di questo mio stato sia il lavoro....odio il mio lavoro perchè passo otto ore della mia vita in un ufficio da sola e quasi sempre senza far niente,lavoro qui da tre anni e all'inizio mi piaceva ,ma ora non ne posso più all'improvviso è scoppiato qst rifiuto dento di me.però non ho il coraggio di prendere una decisione .non ho coraggio di andarmene perchè penso che poi con il tempo mi renderò conto di aver fatto uno sbaglio a licenziarmi perchè in fondo anche se guadagno pochissimo penso che quei soldi mi possano servire. però nello stesso momento mi sento triste perchè faccio una cosa contro la mia volontà. e per qst mi sono iscritta a qst forum per avere un consiglio. cosa devo fare???'devo rischiare devo abbandonare il mio lavoro senza pensare cosa mi aspetterà in futuro???oppure devo farmene una ragione e accettare qst situazione anche se mi fa male????aiutatemi vi prego......... :(

Avatar utente
Dr.ssa Daniela Benedetto
Messaggi: 52
Iscritto il: 23 giugno 2009, 17:13
Località: Roma 00151
Contatta:

Re: il coraggio di cambiare

Messaggio da Dr.ssa Daniela Benedetto » 25 febbraio 2010, 18:49

Gentile Rita è difficile darle una risposta rispetto al problema pratico.
Io credo che perchè lei possa scegliere al meglio debba chiedersi il motivo per cui ha scelto questo lavoro.
Un'altra domanda che può aiutarla ad orientarsi rispetto alla resistenza al cambiamento di lavoro può essere legata al motivo per cui pensa di sbagliare se poi dichiara di stare male e soprattutto di essere pagata molto poco rispetto all'orario che fa.
Non so da dove nasca questo spirito di sacrificio e questa tendenza ad evitare i cambiamenti? poca fiducia in se stessa? gentiori rigidi? povertà? riscatto da una infanzia difficile? Ci faccia sapere qualcos'altro.
Un caro saluto
Dott.ssa Daniela Benedetto
Psicologa Psicoterapeuta a Roma Monteverde
Via Isacco Newton 71 00151 Roma
0665744507
3396306112
info@danielabenedetto.it
www.danielabenedetto.it
www.danielabenedetto.it/forum

rituccia
Messaggi: 6
Iscritto il: 23 febbraio 2010, 11:48

grazie x avermi risposto

Messaggio da rituccia » 26 febbraio 2010, 21:33

appena mi diplomai decisi di andare a lavorare perchè volevo una mia indipendenza economica ed ero contentissima di aver trovato qst lavoro....ma dopo tre anni ho notato di non aver fatto nessun salto di qualità, la paga è sempre la stessa e poi qst lavoro come segretaria non mi ha dato nessuna possibilità di crescita sia professionale che economica.il fatto di non prendere una decisione sarà legato alla paura di fare un errore.penso che se poi non riuscirò a trovare subito un altra occupazione me ne pentirò visto la crisi che gira....per qnt riguarda i miei genitori sono sicura che loro mi appoggieranno su qualsiasi decisione che prenderò....la prego dr.ssa mi dia una soluzione a qst mio problema....grazie!!!

rituccia
Messaggi: 6
Iscritto il: 23 febbraio 2010, 11:48

cara dr.ssa

Messaggio da rituccia » 27 febbraio 2010, 15:40

stamattina mi sono svegliata peggio degli altri giorno.mi sono alzata prestissimo(anche se non dovevo andare a lavoro),con un peso sullo stomaco,sensi di nausea e un nodo alla gola.sto diventando fredda anche nei confronti del mio fidanzato,ce l'ho con lui perchè non si accorge della tristezza che porto dentro e appena lui si impegna in altre cose lasciandomi qualche volta da sola mi arrabbio perchè mi sento abbandonata...la prego mi aiuti che cosa mi sta succedendo....e il pensiero che lunedi devo tornare a lavoro mi fa stare peggio!!!!!aspetto con ansia una sua risposta.grazie

Rispondi

Torna a “...E se decidessi di fare una psicoterapia? Indicazioni per l'uso!”