non riesco a fidarmi della mia fidanzata........

Spesso ci troviamo di fronte a situazioni più grandi di noi, con stati d'animo particolari che non riconosciamo. A volte "sentiamo" che qualcosa non va, che dovremmo scegliere qualcosa, qualcosa di diverso, prendere una strada mai percorsa prima e che non conosciamo, non sappiamo neanche se esiste. Altre volte invece sentiamo un malessere preciso che ci crea grande disagio; che fare, come orientarsi, come spiegare cosa ci succede e a chi?
Questo spazio ti dà l'opportunità di condividere con noi le tue domande e soprattutto ricevere quelle risposte che possano esserti utili a prendere poi le decisioni più adeguate per te ad esempio scegliere o meno di fare un percorso psicoterapeutico e come orientarti in tal senso.


Moderatore: Dr.ssa Daniela Benedetto

Rispondi
carlitos74
Messaggi: 4
Iscritto il: 26 aprile 2010, 13:01

non riesco a fidarmi della mia fidanzata........

Messaggio da carlitos74 » 26 aprile 2010, 13:28

Salve,
il mio problema è quello di non riuscire a istaurare un rapporto sulla fiducia con la mia fidanzata, sono sempre pieno di ombre e paure..... controllo ogni cosa che fà e il più delle volte arrivo sempre ad accusarla di nn essere del tutto sincera nei miei confronti.... Lei e un'anno che cerca in tutti i modi di dimostrarmi che nn cè niente e se analizzo la situazione a mente lucida e esattamente così ma ogni volta che vedo. leggo messaggi su facebook suoi e di amici mi scatta qualcosa di malato in testa e litighiamo......
è successo anche che me ne sono andato di casa 3 volte per questi motivi ma poi quando passa capisco che era solo frutto della mia immaginazione e al max pensare che da parte di altri ragazzi ci fosse interessamento perchè è una bella ragazza....
come posso fare a trovare una pace intoriore in primis con me stesso e poi con lei??
Grazie
Carlo

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 28 aprile 2010, 15:44

Ciao,

hai detto bene, la pace che cerchi è in primis con te stesso. Con il renderti conto che, come tu stesso dici, non stai reagendo a fatti reali ma a proiezioni della tua mente.

Il passo da fare è concettualmente semplice, ma allo stesso tempo non banale. Si chiama consapevolezza. Ovvero rendersi conto che stai reagendo a immagini mentali e non a fatti reali mentre reagisci. Perchè questo ti dà la possibilità di scegliere.

Di metodi per arrivare a questo non ce n'è uno solo. Ognuno deve trovare il più adatto a se stesso. Io personalmente l'ho trovato nella meditazione Vipassana e Zen. Ma qualunque sia il metodo l'obiettivo resta lo stesso.

A presto
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “...E se decidessi di fare una psicoterapia? Indicazioni per l'uso!”