posso farcela da sola?

Spesso ci troviamo di fronte a situazioni più grandi di noi, con stati d'animo particolari che non riconosciamo. A volte "sentiamo" che qualcosa non va, che dovremmo scegliere qualcosa, qualcosa di diverso, prendere una strada mai percorsa prima e che non conosciamo, non sappiamo neanche se esiste. Altre volte invece sentiamo un malessere preciso che ci crea grande disagio; che fare, come orientarsi, come spiegare cosa ci succede e a chi?
Questo spazio ti dà l'opportunità di condividere con noi le tue domande e soprattutto ricevere quelle risposte che possano esserti utili a prendere poi le decisioni più adeguate per te ad esempio scegliere o meno di fare un percorso psicoterapeutico e come orientarti in tal senso.


Moderatore: Dr.ssa Daniela Benedetto

Rispondi
b-more
Messaggi: 2
Iscritto il: 22 giugno 2010, 20:27

posso farcela da sola?

Messaggio da b-more » 22 giugno 2010, 20:57

Buona sera,
scrivo sperando di non dilungarmi troppo e di non rubarvi troppo tempo...vorrei sapere se, secondo voi è il caso che mi rivolga a qualcuno o questa mia situazione è una cosa normalissima e banale e dovrei solo cercare di farcela da sola.
Ho 30 anni, appena compiuti, una vita che sempre piu spesso definisco demotivante e misera, un fidanzato convivente da quasi un anno che per motivi di lavoro non c'è mai, che torna un paio d'ore nel pomeriggio e arriva tardi la sera, cosa che mi rende sola e triste. Aspettarlo a fine lavoro, oltre al fatto che pian piano ha fatto si che io uscissi sempre meno e, temo, perdessi qualche amico, ha finito per annoiarmi e mettermi di cattivo umore, anche perchè quando ha tempo libero non posso dire che sia comunque troppo presente. potrei vedere la mia famiglia invece che stare a casa da sola ma alcune problematiche fanno si che la cosa mi metta ansia e quindi ,se posso, evito.
Mi sento insoddisfatta anche nel lavoro. Mi sento triste e terribilmente sola e più mi sento così più evito di uscire perchè le situazioni che mi popongono non mi sembrano possano intressarmi, eppure quasi per ripicca verso il mio fidanzato vorrei uscire fino a tarda notte. Spesso mi rendo conto che razionalmente queste "idee di ripicca" non hanno senso d'essere (o forse si? sbaglio solo il modo?) ma ho un rancore e una rabbia per essere lasciata sola che vorrei ...scappare, andare via lontano , rompere qualcosa, perfino fargli del male morale. Non so se sono io che mi butto giu e che dovrei reagire in qualche altra maniera, vorrei farlo e penso che il mio ragazzo stia perdendo stima in me nel vedermi così (lui dice che sono io che mi nego le cose e che è una mia malattia....) che dovrebbe trovarsi una persona piu adatta a lui e se ne vedo una per strada mi sento morire e vorrei piangere ed essere come lei... Non sono mai stata così, ero sempre fuori casa, attiva e con mille impegni...dove sono finita? Ho bisogno di un aiuto??
Grazie

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 24 giugno 2010, 12:40

Il solo fatto che ti poni il problema è di per sè molto importante. Perchè l'aiuto che ci può venire dall'esterno è certamente utile, ma senza l'aiuto che ci diamo da soli non funziona.

Quanto alla tua domanda se rivolgerti a qualcuno o meno, dire se ne hai veramente "bisogno", non è un discorso facile, ma molto dipende da te e da quello che senti nel tuo cuore. Per esperienza personale direi che in genere fa più bene che male. A tutti, anche a chi non ne sente il bisogno, ma questa è la mia opinione.

Mi soffermo infine sulla tua domanda finale "dove sono finita?". Ecco questo è un punto che dovrebbe portarti a riflettere. Spesso abbiamo l'idea di essere sempre la stessa persona. Di essere "noi stessi", così come siamo, per sempre. E quando scopriamo di essere cambiati restiamo spiazzati, specie se pensiamo di essere cambiati in peggio. Avevi una tua idea di te stessa e ora ti scopri diversa. E quel che è peggio è che magari stai pensando che non riuscirai mai ad essere diversa da come sei oggi.
Ma il fatto è che noi siamo in continuo cambiamento. Non se più la stessa di prima? Bene, vuol dire che domani non sarai la stessa di oggi!!!
Cosa sarai? Chi sarai? Non lo so né io né tu. Ma tu puoi fare quello che ti sembra giusto.
Puoi rivolgerti a qualcuno o puoi provare a cercare di ritrovare da sola il gusto della vita. Puoi guardare in faccia la tua relazione e decidere che non funziona affrontando magari la paura della solitudine. Oppure capire che per te è importante e trovare il modo di risollevarla, conciliando le tue e le sue necessità.
Solo tu puoi sapere quello che è giusto per te.
Segui il tuo cuore.
Credi in te stessa
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Avatar utente
rocco
Messaggi: 441
Iscritto il: 28 giugno 2006, 21:56

Re: posso farcela da sola?

Messaggio da rocco » 24 giugno 2010, 14:30

b-more ha scritto:...dove sono finita? Ho bisogno di un aiuto??
Grazie
Ciao e benvenuta nel forum!
Mi ha colpito molto questa tua frase:
dove sono finita?
Penso che proprio su questo, concordo pienamente con Sergio67, dovresti riflettere.

L'insoddisfazione, la noia e la rabbia che sembrano accompagnarti, secondo me non sono causate dal tuo ragazzo, dalla tua famiglia o comunque dal mondo esterno, ma più semplicemente da te stessa.

E quindi è proprio su te che dovresti iniziare a riflettere.
Dove sei finita? Cosa provi? Cosa senti? Cosa desideri fare? Perchè ti senti sola? E perchè hai bisogno di altri per stare bene?

In quale modo farlo puoi saperlo solo tu, in base a quanto malessere hai nel cuore, quanto desiderio hai di superalo e quanta forza senti.

Per esperienza personale posso dirti che la terapia aiuta molto, anche se è necessaria un po' di pazienza, prima di tutto per cercare la persona giusta e non basta uno specialista serio e preparato, perchè deve instaurarsi anche un certo feeling.

Però il cammino che si intrapende è davvero bello, perchè ti aiuta a riscoprire il tuo vero io. E non solo a parole.
Certo, non è la bacchetta magica e non accade tutto dall'oggi al domani, ma ti assicuro che guardare indietro e poter osservare le proprie vittorie, e ancora di più conoscersi per poi ritrovarsi, è un'esperienza davvero davvero bella.

E' un po' come innamorarsi di se stessi, con il vantaggio di sapere che non saremo mai lasciati!

Ciao! :D
sandra

b-more
Messaggi: 2
Iscritto il: 22 giugno 2010, 20:27

Messaggio da b-more » 26 giugno 2010, 20:24

grazie per gli spunti di riflessione..ne farò tesoro e ci proverò davvero..anche se a volte rispondersi è difficile e soprattutto si ha paura di trovare delle risposte.
una buona e serena serata a tutti
more

Rispondi

Torna a “...E se decidessi di fare una psicoterapia? Indicazioni per l'uso!”