handicap fisico/mentale

Un mondo di gioie e dolori, di salite e discese ; un mondo "diverso" che urla la propria normalità. L'immagine e la conoscenza di se', il rapporto con il proprio corpo, la propria sessualità, le barriere architettoniche e mentali che dobbiamo superare, le piccole grandi difficoltà della vita quotidiana che dobbiamo affrontare, sono le basi da cui partire per affermarci non solo come disabili ma come persone. Parliamo di questo e molto altro ancora.

Moderator: Dr.ssa Patrizia Facchini

Post Reply
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

handicap fisico/mentale

Post by pa.ro »

Non capisco perché ci sia una differenza di trattamento tra chi ha una difficoltà fisica e chi invece ne abbia una mentale (come ad esempio l'autismo) a favore della prima. Qualcuno di voi ha esperienza in merito?
Visita il mio blog!
User avatar
Lala
Posts: 5383
Joined: 21 February 2005, 12:53

Post by Lala »

non sono m olto d'accordo.spesso anche chi ha problemi mentali viene discriminato.il succo è sempre che del diverso si ha paura
Image
Croccante fuori, toffoletta dentro
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

Post by pa.ro »

Credo di essermi spiegata male: ho avuto diverse esperienze in merito al fatto che chi ha problemi mentali è più discriminato di chi ha problemi fisici, e chiedevo se anche voi avevate avuto esperienze in merito :lol: Spero, ora di aver scritto bene :oops:
Visita il mio blog!
Twilight
Posts: 3356
Joined: 26 February 2006, 19:44

Post by Twilight »

mah...non puoi mettere sullo stesso piano i due diversi tipi di handicap perchè sono cose assolutamente diverse.
una persona che ha solo un handicap fisico può vivere ragionando con la propria testa,nei casi non troppo gravi può essere responsabile per se stessa e indipendente. una persona che ha un handicap mentale queste cose non le può fare. non è tanto questione di discriminazione,quanto di diversità effettiva.
Image
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

Post by pa.ro »

Certo, sono d'accordo. PErò mi stanno capitando degli episodi poco carini. Uno di questi mi vede in un museo con una persona portatrice di Autismo e...vedendo un quadro che gli ha procurato una certa emozione ha un poco alzato la voce parlando (vabbè, la dico tutta: ha emesso un urlo!!). Siamo stati 'cortesemente' pregati di uscire...anche dopo spiegata la difficoltà. Non ci è stata data nemmeno una seconda opportunità. E vi assicuro che episodi del genere mi stanno capitando molto spesso!!!
Visita il mio blog!
Twilight
Posts: 3356
Joined: 26 February 2006, 19:44

Post by Twilight »

nessuno dice che questo sia giusto,come nessun altro tipo di discriminazione,però mi sembra anche chiaro che non sarebbe successo se il quadro lo avesse visto un paraplegico per intenderci.
sono cose diverse.che poi vengano trattate con ignoranza dalla gente è purtroppo vero,ma che ci sia differenza tra le due è innegabile..
forse se ci fosse stato n bambino che piangeva con insistenza vi avrebbero invitati cmq ad abbandonare il posto. nn darei per scontato il contrario eh
Image
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

Post by pa.ro »

Si, probabilmente anche con un bimbo che piangeva avrebbero fatto lo stesso.
Anche se in questo caso non credo che come madre-del-bimbo-che-piange mi sarei potuta continuare a gustare la mostra! La persona con cui ero, faceva degli apprezzamenti a modo suo e ci stavamo gustando la mostra.

Certo che c'è una differenza tra chi ha un handicap fisico e chi ha un handicap mentale. Ma i diritti rimangono gli stessi. O sbaglio?
Visita il mio blog!
Twilight
Posts: 3356
Joined: 26 February 2006, 19:44

Post by Twilight »

d'accordo,ma anche i diritti di un poppante no?
non credo che la discriminante sia l'handicap in quello che ti è successo,quanto più l'inquinamento acustico presunto..allora avrebbero discriminato anche un bimbo indisciplinato.
non so che dire,forse era un ambiente in cui il rumore non era tollerato..
Image
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

Post by pa.ro »

Si, di sicuro era un ambiente dove il rumore non era tollerato, perché era un museo. Però questo vuol dire che si discriminano tutte quelle persone che vorrebbero vedere l'arte e non possono perché magari dalla contentezza non riescono a trattenere un urletto! Non si potrebbe prevedere un giorno di visita in cui il museo è aperto anche ad un pubblico rumoroso? Tra l'altro so che è stato richiesto da una famiglia con un bambino con ritardo cognitivo grave l'assistenza domiciliare indiretta, e gli è stato risposto che è difficile ottenerla perché c'è una graduatoria in cui chi ha problemi fisici viene preferito!!!!
Visita il mio blog!
abc
Posts: 172
Joined: 4 November 2004, 20:11

Post by abc »

pa.ro wrote:Tra l'altro so che è stato richiesto da una famiglia con un bambino con ritardo cognitivo grave l'assistenza domiciliare indiretta, e gli è stato risposto che è difficile ottenerla perché c'è una graduatoria in cui chi ha problemi fisici viene preferito!!!!
Se la distinzione è veramente tra problemi mentali / problemi fisici, è facile che si creino situazioni ingiuste, andrebbe valutato piuttosto il grado di autonomia di ciascun caso e il bisogno effettivo che si ha dell'assistenza... per dire, magari un disabile fisico può avere bisogno di assistenza continua anche solo per andare al bagno, mentre uno con ritardo cognitivo magari no; ma potrebbe accadere anche l'esatto contrario, un disabile fisico praticamente autonomo e un mentale no... insomma... vanno valutati i casi singoli...
User avatar
pa.ro
Posts: 45
Joined: 22 July 2007, 14:39
Location: Roma

Post by pa.ro »

Anche secondo me vanno valutate i casi singolarmente. Il problema però potrebbe rimanere finché si attribuisce al ruolo dell'assistente domiciliare solo quello di accudumento fisico, come appunto il portare o aiutare nell'andare al bagno. Il problema di chi ha un ritardo è che da solo non ci può stare praticamente mai perché non sai mai cosa gli 'passa per la testa' e potrebbe fare in ogni momento cose pericolose per sè e per gli altri!!!
Visita il mio blog!
Post Reply

Return to “La disabilità”